Sampdoria-Chievo Verona 2015/2016

Sampdoria-Chievo Verona 2015/2016

Sampdoria-Chievo Verona 2015/2016 – 20 marzo 2016, 0 a 1.

Autore: LUCADEA

Le fototifo della partita e coreografia gradinata Sud:

Sampdoria-Chievo Verona 2015/2016 

Sampdoria-Chievo Verona 2015/2016 

Samp-Chievo_2015-2016_03 

Gradinata Nord ad inizio partita:

Samp-Chievo_2015-2016_04 

Tifosi del Chievo nel settore ospiti:

Samp-Chievo_2015-2016_05

Per sapere tutto sulla Sampdoria visitate il sito ufficiale.

La UC Sampdoria è una squadra di calcio italiana che nasce il 12 agosto 1946. Nasce dalla fusione di due società la Sampierdarenese e l’Andrea Doria. Nella sua storia, costellata da diversi alti e bassi (non è mai retrocessa in serie C però), ha conquistato uno scudetto (nel 1990/1991), 4 Coppe Italia (1984/1985, 1987/1988, 1988/1989, 1993/1994), una Coppa delle Coppe (1989/1990) e una Supercoppa italiana (1991/1992).
Lo stadio di casa è il Luigi Ferraris.

In questo sito ci sono moltissime immagini dei tifosi (storici e recenti compatibilmente con quelle che riesco a scattare quando sono a casa e quelle che alcuni amici, fotografi e non, mi inviano). Un’altra sezione di questo sito, che probabilmente è la più vasta online, è la pagina dei cori costantemente aggiornata. Non dimenticatevi la pagina dell’Almanacco dove, giorno per giorno, potrete trovare tutte le partite ufficiali e molte chicche della storia blucerchiata.

Stoccafisso bollito dallo chef stellato Loris, la ricetta

Stoccafisso: merluzzo ad essicare

Lo stoccafisso ha una lunga storia e non è adesso il momento di raccontarvela perchè negli anni è diventata un romanzo…
Io sono stato molte volte alle isole Lofoten, in Norvegia ed ho visitato molti luoghi di produzione e stoccaggio del Merluzzo che poi diventa stoccafisso.
Qui da noi, nel primo entroterra, abbiamo molte trattorie che al venerdì preparano lo stoccafisso bollito ed i clienti sono sempre numerosissimi.
Bisogna dire che preparare lo stoccafisso bollito é molto facile ma uno dei motivi per cui a molte signore non piace cucinarlo in casa è dovuto al cattivo odore che emana cuocendo e che poi si sparge in tutta la casa. Io uso un sistema semplicissimo per non avere il cattivo odore in casa e desidero raccontarvi come faccio.

Prima di tutto, la sera prima, metto a bagno in acqua fredda un paio di manciate di fagiolane che il mattino successivo faccio bollire assieme alle patate con la buccia: io calcolo una bella patata e mezza per persona. Poi cuocio lo stoccafisso a vapore nella pentola a pressione. Metto sul fondo della pentola due e o tre dita di acqua a cui aggiungo sale, alcune foglie di alloro e una gambetta di sedano. A questo punto metto lo stoccafisso in una gabbietta apposita che entra nella pentola senza però che il pesce tocchi l’acqua ed aggiungo un cipolla intera a cui ho tolto la buccia.
Se lo stoccafisso che ho comperato è bagnato, molto bagnato, lo faccio cuocere calcolando 10 minuti dopo il primo fischio della pentola che segnala che la pressione interna è ottimale. Dopo aver atteso questi 10 minuti, tolgo la pentola dal fuoco e la porto in giardino (o sul terrazzo) per fare uscire tutto il vapore fuori di casa e senza che il cattivo odore si sparga in casa. Una volta ritornato in casa pulisco lo stoccafisso, pelo le patate ed aggiungo le fagiolane. Prima di condire il tutto con l’olio extra vergine ligure, aggiungo la mia salsa che ho preparato durante i 10 minuti della cottura del pesce.

Salsa per la stoccafisso:

Pesto nel mortaio (si può anche usare il frullatore ad immersione) qualche pinolo, uno spicchio d’aglio senz’anima e un paio di filetti di acciuga.

Vi racconterò in altra occasione qualche simpatico annedoto.

Vi allego una foto (da me scattata) di una casa alle Lofoten con essiccazione della stoccafisso.

Stoccafisso: merluzzo ad essicare

Pansotti alla salsa di noci di Settembrin: tra i migliori

pansotti di settembrin

Pansotti alla salsa di noci di Settembrin: tra i migliori

Una delle specialità della trattoria da Ou Settembrin di Carasco sono i pansotti alla salsa di noci.

Non potevo certo esimermi dal pubblicare una foto:

pansotti di settembrin

Foto scattata con iPhone 6.