Filetto alla griglia sulla nave: uno dei top per me (foto)

Filetto alla griglia

Filetto alla griglia sulla nave: uno dei top per me

Uno dei miei piatti di carne preferiti: il filetto alla griglia. Devo dire però che c’era un filino troppo aglio, credo dovuto alla marinatura, ma comunque niente male.

Filetto alla griglia

Foto scattata con iPhone 6.

Il filetto è un tipo di taglio di carne, principalmente di bovino ma anche di suino o di altro animale (es. selvaggina come la lepre o il cervo), proveniente dalla zona lombare dell’animale. Per analogia, si parla di “filetto” anche con riferimento alle parti più tenere della carne di pollo o altro uccello edule, ossia a quelle intorno alla “carena” o cresta sternale (cartilagine sporgente) del petto oppure a quelle della coscia disossata (“filetto di coscia”).
Continua su Wikipedia.

[ENG] One of my favorite meat dishes: grilled fillet. I have to say though that there was a tad bit too much garlic, I think due to the marinade, but not bad.

Spaghetti integrali a modo mio (foto e ricetta)

Spaghetti integrali a modo mio

Spaghetti integrali a modo mio. Per 4 persone. Per questa ricetta uso:

– 320 grammi di pasta integrale
– 1 sacchetto di bottarga di muggine (di solito viene venduta in confezione di due sacchetti che sembrano due bastoncini marroni/rossastri e che sono gli involucri originali delle due sacche di uova contenuti nel pesce
– 1 spicchio d’aglio
– peperoncino secondo i gusti
– olio d’oliva quanto basta
– 2 o 3 pomodorini di pachino per persona
– 2 cucchiai abbondanti di pane grattugiato.

Innanzi tutto, come mi insegnò molti anni fa un grande Chef, faccio tostare il pan grattato nella padella antiaderente asciutta, facendo evaporare la poca umidità che ancora contiene per renderlo più digeribili; poi lo metto da parte. Adesso preparo un fondo facendo soffriggere l’aglio e il peperoncino nell’olio d’oliva aggiungendo poi i pomodorini tagliati in quattro parti e privati dei semi e un poco d’acqua per farli cuocere senza che secchino e senza che l’agio bruci.

A questo punto preparo la bottarga grattugiando una delle due uova e aggiungendola al pane grattugiato e mescolando bene. I pezzetti che rimangono più grandi li aggiungo al fondo dell’olio facendoli semplicemente scaldare ma senza che brucino.

Il lavoro è finito: faccio saltare gli spaghetti cotti al dente nel soffritto, li metto nel piatti da portata e li cospargo con la bottarga grattugiata e mescolata con il pan grattato. Mescolo bene prima di servire.

Buon appetito!

spaghetti_con bottarega

Acciughe sotto sale (foto)

Acciughe sotto sale

Anche questo è uno dei piatti “poveri”: le acciughe sotto sale.

Ovviamente il “sotto sale” è il metodo di conservazione… queste nella foto sono già state tolte dall’arbanella nella quale erano conservate e preparate con un po’ d’olio, aglio, rosmarino e peperoncino.

acciughe sotto sale

Spaghetti con sugo di bottarega (foto)

Spaghetti con sugo di bottarega

Si fa un leggero soffritto con bottarega di tonno, olio, pomodorini freschi, pomodorini secchi, acciuga salata, abbondante aglio ed un filino di vino bianco per qualche minuto. Poi si mette la pasta, in questo caso spaghetti. Si salta tutto assieme e poi, il tocco dello Chef (della Chef) una grattatina di bottarega alla fine.

[ENG] It makes a light sauce with bottarega tuna, olive oil, fresh tomatoes, sundried tomatoes, salted anchovies, plenty of garlic and a tiny bit of white wine for a few minutes. Then you put the dough, in this case spaghetti. You mix it all together and then the touch of Chef (the Chef) a sprinkling of bottarega the end.

spaghetti-con-bottarega