Cavolo romanesco e le sue forme strabilianti (foto hdr macro)

cavolo romanesco

Cavolo romanesco e le sue forme strabilianti

Il cavolo romanesco è sicuramente uno dei vegetali più strabilianti che esistano.
Le sue spire regolari sembrano infatti arrivare direttamente dalla preistoria.

cavolo romanesco

cavolo romanesco

cavolo romanesco

Foto scattate con macchina Canon 600D e lente Tamron 16-300.

“Il broccolo romanesco è una varietà di cavolo broccolo (Brassica oleracea var. italica). I broccoli rientrano nel gruppo di piante di cui non vengono mangiate le foglie bensì le infiorescenze non ancora mature.” …continua su Wikipedia.

Cavolo Navone: la ricetta

Cavolo Navone: la ricetta

L’altro giorno il mio amico Giulio, esperto orticoltore nonché attento conoscitore di prodotti della nostra terra ligure, mi ha regalato un cavolo Navone, un grande tubero della famiglia dei cavoli di cui si mangia la grande radice. Questo vegetale non va confuso con il cavolo rapa e nemmeno con il sedano rapa o sedano di Verona. Somiglia a questi ultimi anche se è più allungato ma è un’altra cosa. Sinceramente ho visto molti tipi di radici e tuberi in tutto il mondo ma non ricordo di aver mai visto prima un cavolo Navone. Il mio amico mi ha detto che questa radice ha un sapore dolciastro ed io prima di provare a cucinarlo, ne ho bollito una fetta e la ho assaggiata. Cotto, risulta di colore bianchissimo, compatto, di gusto delicato e leggermente dolciastro.

Ho affettato questa radice a fette alte circa mezzo centimetro e le ho fatte sbollire in acqua calda salata per alcuni minuti.

Poi ho preparato una besciamella leggera e piuttosto liquida e ho adagiato sul fondo di un tegame da forno, unto con olio d’oliva, uno strato di fette di Navone, le ho coperte con un po’ di questa besciamella e una leggera spolverata di grana grattugiato. Ho fatto un secondo strato ed ho aggiunto, dopo la besciamella ed il grana una ulteriore spolverata di pane grattugiato. Alla fine ho aggiunto un poco di olio di oliva ed ho infornato a 180° per circa una ventina di minuti. Questo è un ottimo contorno ma con l’aggiunta di un poco di mozzarella a quadrettini sopra ogni strato, può diventare un ottimo piatto unico ed un modo per rivalutare i prodotti antichi, semplici e genuini.

Eccovi qualche foto in hdr del cavolo navone:

Foto scattate con macchina Canon 600D e lente Canon EF 40.

Crauti rossi e castagne

Crauti rossi e castagne

Crauti rossi e castagne

Crauti rossi e castagne.
Un piatto (un contorno più esattamente) di origine teutonica (Red Cabbage Sauerkraut) non molto diffuso in Italia.
I crauti fatti con il cavolo rosso sono un ottimo side dish per salsicce e würstel.
Questi erano stufati assieme alle castagne.

Crauti rossi e castagne

Foto scattate con macchina Canon 600D e lente Canon EF 40.

Il cavolo rosso è simile al cavolo cappuccio, ma a differenza di questo presenta colorazione rossa dovuta alla notevole presenza di sostanze idrosolubili chiamate antocianine del gruppo dei flavonoidi.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Red sauerkraut and chestnuts.
A dish (a more exact outline) of Teutonic origin (Red Cabbage Sauerkraut) not very common in Italy.
Sauerkraut made with red cabbage is a great side dish for sausages and frankfurters.
These were stewed along with the chestnuts.

Cavolo rosso (foto)

cavolo rosso

cavolo rosso

Questa mattina la mia attenzione fotografica è stata attirata dai colori ed i disegni di una verdura particolare: il cavolo rosso (qui per saperne di più).
Era l’ingrediente principale dei crauti rossi e castagne che mia mamma avrebbe preparato come contorno per il pranzo odierno.

cavolo rosso

Foto scattate con macchina Canon 600D e lente Canon EF 40.