Banco di Jamon al Mercato de l’Olivar

Banco di Jamon al Mercato de l'Olivar

Banco di Jamon al Mercato de l’Olivar.
Nei molto tipici mercati spagnoli, quasi sempre coperti, si trovano sempre banchi che vendono Jamon.
Di solito se ne puo’ trovare di tutti i tipi (e prezzi ovviamente) e quasi sempre, oltre a poterlo mangiare in loco, lo si puo’ comodamente portare via in confezioni sottovuoto.
Una delizia per il palato e, perche’ no, anche per la vista.

Banco di Jamon al Mercato de l'Olivar

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-S10.

Ho anche trovato il sito ufficiale del mercato: mercatolivar.com.

Il Jamón ibérico (prosciutto iberico), o pata negra, o carna negra, è un tipo di prosciutto proveniente da maiale di razza iberica, molto apprezzato nella cucina spagnola e nella cucina portoghese, dove è considerato un prodotto di alta cucina. Per la sua produzione, e potersi fregiare di questo nome, le carni devono provenire da esemplari derivanti da un incrocio in cui partecipi, dal punto di vista genetico, almeno per il 50% la razza iberica.
Continua su Wikipedia.

Il polpo alla Gallega gustato in Spagna

Polpo alla Gallega

Il polpo alla Gallega gustato in Spagna.
Uno dei miei piatti preferiti quando sono in Spagna è questo. Tanta paprica ed olio di oliva.
Leggero (ma se si esagera nemmeno poi cosi tanto), delicato e gustoso.
Sono solo indeciso se mi piace di più alla Galiziana oppure alla plancia (alla griglia).

Conosci questo piatto? Lascia un commento cliccando qui.

Polpo alla Gallega

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-S10.

Per approfondimenti sulla ricetta (della quale potete trovare decine di siti ed articoli) vi rimando a quanto vi ho scritto nel mio articolo.

Il polpo è un mollusco molto ambito nella pesca di professione, ma anche sportiva. Le tecniche di pesca sono tradizionali e consistono nell’utilizzo di un’esca chiamata polpara che talvolta viene utilizzata insieme a granchi e pesci. Talvolta il polpo fresco viene preparato con la tecnica dell’arricciatura direttamente sugli scogli o in macchine apposite che ne consentono la degustazione a crudo. Il polpo arricciato si presenta con i tentacoli a forma di “boccoli”, le ventose dilatate ed ha una caratteristica consistenza “croccante”.
Continua e approfondisci su Wikipedia

Galician octopus tasted in Spain – Pulpo a la gallega degustado en España – Polvo galego degustado na Espanha – Galicischer Oktopus in Spanien verkostet – Bạch tuộc Galicia nếm thử ở Tây Ban Nha – 在西班牙品尝加利西亚章鱼 – スペインで味わうガリシアのタコ

Olive e acciughe in Spagna

Olive e acciughe in Spagna

Olive e acciughe in Spagna.
Uno dei piatti (o comunque dei contorni) che si trovano sempre in Spagna sono questi.
Questi erano spiedini nei quali i filetti di pesce avvolgevano l’oliva (spesso si trovano come ripieno di esse).
Queste in particolare le ho fotografate al mercato dell”olivar a Palma di Maiorca.

Olive e acciughe in Spagna

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-S10.

Ho trovato questo interessante sito spain.info, quello ufficiale della Spagna, nel quale si parla delle acciughe (anche se non proprio nella versione che ho fotografato io).

Il palazzo della Dogana a Barcellona

Palazzo della Dogana a Barcellona

Il palazzo della Dogana a Barcellona.
Come si scende a terra a Barcellona dalla nave si arriva in centro con lo shuttle bus. Si viene subito accolti da questo palazzo, che come si legge sulla facciata (Aduana), e’ quello della dogana. A dire la verita’ non saprei se lo e’ ancora oppure se lo era un tempo.
Mi piace fotografare i palazzi e renderizzarli in hdr.

Sei mai stato a Barcellona? Lascia un commento cliccando qui.

Palazzo della Dogana a Barcellona

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

The Customs building in Barcelona – Le bâtiment des douanes à Barcelone – El edificio de la Aduana en Barcelona – Edifício da Alfândega em Barcelona – Das Zollgebäude in Barcelona – Tòa nhà Hải quan ở Barcelona – 海关大楼在巴塞罗那 – バルセロナの税関ビル

Prosciutti spagnoli appesi

Prosciutti spagnoli appesi a Valencia

Prosciutti spagnoli appesi.
Capita spesso di trovare in Spagna (la foto è stata fatta a Valencia) luoghi, e soprattutto, cibi come questi.
E’ uno degli emblemi culinari della Spagna: lo Jamon (serrano o iberico che sia)!
Quasi sempre, nei luoghi in cui si vende ai turisti, è appeso in bella mostra con il suo caratteristico cono sul fondo che serve a raccogliere eventuali gocce di unto.

Prosciutti spagnoli appesi a Valencia

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Il prosciutto serrano (jamón serrano) si differenzia da quello iberico (jamón ibérico) per la razze impiegate, per la tipologia di alimentazione dei suini e per il processo di stagionatura. Per il prosciutto serrano, sono impiegati suini di razza bianca, alimentati principalmente a mangimi di cereali. La stagionatura ha uno sviluppo da sette a ventiquattro mesi.
Continua su Wikipedia.

Se volete vedere altre foto oppure leggere leggere altri articoli sul prosciutto spagnolo vi invio, più in basso, ai link suggeriti.
Se invece volete approfondire l’argomento al di fuori di questo sito vi rimando a prosciuttospagnolo.net.

Carne alla pietra a Valencia

Carne alla pietra a Valencia

Carne alla pietra a Valencia.
Un modo particolare e molto spettacolare per cuocere la carne è quello di scaldare una bella pietra (ollare) e poi, tolta dal fuoco, appoggiarvi sopra la carne fino al punto desiderato.
In questo caso poi la pietra era stata portata di fianco al tavolo dove mangiavamo e la cottura è avvenuta in diretta (e tra l’altro mi sono anche un pochino bruciato perché non c’era molto spazio).
Ho fatto anche un bel video che ho però pubblicato su Instagram.

Carne alla pietra a Valencia

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Ho trovato questo bel post su come cucinare con la pietra ollare e cosa è meglio cucinarvi: galbani.it.

Il mercato centrale di Valencia

La cupola del Mercato di Valencia

Il mercato centrale di Valencia.
Uno dei simboli e punti sicuramente più visitati a Vencia è il suo Mercato coperto (Mercado Central).
Un edificio monumentale (che chi visita la Spagna comunque è abituato a vedere).
Tanta gente, soprattutto turisti, e tanti cibi tipici spagnoli.

Il mercato Centrale di Valencia

La cupola del mercato:

La cupola del Mercato di Valencia

Oggi, il Mercado Central raggruppa quasi 400 piccoli commercianti, mobilizzando 1.500 persone al giorno. È il più grande centro d’Europa dedicato alla specialità dei prodotti freschi; e il primo mercato del mondo che ha affrontato la sfida dell’informatizzazione delle vendite e della consegna a domicilio dal 2 ottobre 1996. Il Mercato Centrale vende tutti i tipi di cibo come pesce, frutti di mare, frutta, carni e salumi per il consumo interno e per fornire importanti ristoranti a Valencia.
Continua su Wikipedia.

foto gallery

Dove si trova il Mercato:

Paella valenciana

Paella valenciana

Paella valenciana.
La paella originale (o almeno così si dice) è quella di Valencia.
A dire la verità c’è già una bella foto di questo splendido piatto che mi era stata data dalla Simona (qui) ma queste sono più recenti e soprattutto le ho scattate io:

Paella valenciana

Paella valenciana

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

foto gallery

La ricetta della Paella di Valencia, in quanto considerato un piatto tradizionale della cultura valenciana[6], prevede riso, la rosolatura di carne marinata, verdure verdi, pomodori e fagioli, ai quali si aggiungono lumache, brodo e spezie, come paprica, zafferano e rosmarino.
Continua su Wikipedia.

La Città delle Arti e delle Scienze a Valencia

La Città delle Arti e delle Scienze a Valencia

La Città delle Arti e delle Scienze a Valencia.
Di ritorno da Valencia comincio a postarvi qualche immagine.
Queste sono state fatte nel complesso della Città delle Arti e delle Scienze ed è una zona, liberamente accessibile, nella quale ci si immerge in piscine fontane e soprattutto le linee di queste costruzioni futuristiche famose in tutto il mondo.

Sei mai stato a Valencia ed in Spagna? Lascia un commento cliccando qui.

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

E’ un complesso architettonico composto da cinque differenti strutture, suddivise all’interno di tre aree tematiche: arte, scienza e natura. Sorge a Valencia, in Spagna, sul vecchio letto, ora spostato, del fiume Turia e copre una superficie 350.000 m2. Progettato dagli architetti Santiago Calatrava e Félix Candela, ed iniziato nel luglio 1996, è un esempio di architettura organica, che grazie a qualità costruttive d’avanguardia riesce ad armonizzare gli elementi con i contenuti, lasciando però trasparire la tradizione mediterranea del mare e della luce attraverso un gioco di colori tra l’azzurro dei grandi stagni d’acqua a cielo aperto e il bianco del cemento.
Continua su Wikipedia.

Qui invece ci sono diverse altre foto, scattate qualche tempo fa da un’amica.
foto gallery

Stradine di Ibiza

Stradine di Ibiza.
Era la seconda volta che sono riuscito ad uscire ad Ibiza e mi sono fatto un giretto nel centro della cittadina spagnola.
Devo dire che sono rimasto incantato dalle stradine e dai vicoli del centro: a cominciare dai colori delle case che ricordano molto la Grecia.

Stradine di Ibiza

Foto scattata con macchina Canon 600D e lente Tamron 16-300.

×