Gioielleria ad Hong Kong

Gioielleria ad Hong Kong

Gioielleria ad Hong Kong

Gioielleria ad Hong Kong.
Una foto ormai scattata qualche mese fa quando stavo imbarcando sulla Costa Fortuna. La vetrina di una bella e appariscente gioielleria nella strada principale di Hong Kong.
Fa il paio con un altro paio di post, sempre dello stesso negozio, che vi ho postato allora.

Gioielleria ad Hong Kong

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

È stato adoperato fin dall’antichità per coniare monete e, prima dell’avvento della moneta fiat (latino per “sia fatta”, cioè creata dal nulla, com’è quella odierna) è stato usato come controvalore per le emissioni valutarie degli Stati, come avveniva all’interno del cosiddetto gold standard. Si usa inoltre in gioielleria, odontoiatria e nell’industria elettronica. Il suo codice ISO come valuta è XAU (controvalore per oncia di metallo). L’oro è divenuto nel tempo il simbolo di purezza, valore e lealtà.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Statue in oro ad Hong Kong

Statue in oro ad Hong Kong

Statue in oro ad Hong Kong

Statue in oro ad Hong Kong.
Seconda foto di oggetti in oro visti nelle vetrine di diverse gioiellerie di Hong Kong.
Devo dire che attirano veramente l’attenzione!

Statue in oro ad Hong Kong

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Veliero in oro ad Hong Kong

Veliero in oro ad Hong Kong

Veliero in oro ad Hong Kong

Veliero in oro ad Hong Kong.
Mi stupisce sempre l’arte orafa che si trova in Asia. Questo veliero era in una delle vetrine di una delle tante gioiellerie che ho incontrato passeggiando nella via principale di Hong Kong.
Mi affascina l’oro, lo devo proprio ammettere.

Veliero in oro ad Hong Kong

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Jelly Beans di Romamengo

Jelly Beans di Romamengo

Jelly Beans di Romamengo

Jelly Beans di Romamengo.
Le Jelly beans, letteralmente fagiolini di gelatina, sono uno dei tipi di caramella che mi piacciono di più.
Io amo quelli dai gusti aspri per cui fatti con il succo degli agrumi.
Questi erano in bella mostra nella vetrina di Romanengo storica bottega del centro storico di Genova.

Jelly Beans di Romamengo

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Le jelly belly sono delle caramelle di gelatina, di origine statunitense, dalla tipica forma di fagiolo, dalla quale prendono il tipico nome “jelly beans”.
Nel 1976 un produttore ebbe l’idea di creare nuovi tipi di caramelle in gelatina. Nello stesso anno si crearono i primi otto gusti con aromi naturali.
Continua su Wikipedia.

Dove si trova questo negozio:

Gelatine di frutta di Romanengo

Gelatine di frutta di Romanengo

Gelatine di frutta di Romanengo

Gelatine di frutta di Romanengo.
Girando per i vicoli di Genova capita di passare di fronte a negozi e botteghe veramente antiche. Anche se purtroppo, anno dopo anno, sono sempre di meno alcune resistono quasi immutate nel tempo.
Una di queste botteghe è la pasticceria Romanengo che dal 1870 prepara dolci e confetti (credo si debba chiamare confetteria).
Queste sono delle gelatine di frutta che fanno bella mostra in vetrina:

Gelatine di frutta di Romanengo

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Dove si trova questo negozio:

Ho trovato anche questa bella ricetta su lacucinaitaliana.it ma ce ne sono decine cercandole.

Praline di cioccolato: delizie locali a Sestri Levante

Praline di cioccolato

Praline di cioccolato: delizie locali a Sestri Levante

Come ho già scritto qualche giorno fa anche queste praline in vetrina di Rossignotti a Sestri Levante sono veramente irresistibili, voi cosa ne dite?

Praline di cioccolato

Praline di cioccolato

Foto scattate con macchina Canon 600D e lente Tamron 16-300.