Barchetta tipica a Doha

Barchetta tipica a Doha

Barchetta tipica a Doha.
In tour per la capitale del Qatar non puo mancare una foto della imbarcazione tipica di questo paese: il dau.
Veramente, prima di fare una ricerca su internet, ne sapevo veramente poco. Ora ho scoperto che e’ una barca tipica della intera area Sud-Orientale.
Ormai, quasi tutte a Doha, sono destinate al turismo di elite.

Barchetta tipica a Doha

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Il dau (adattamento dell’inglese dhow o dow) è una tradizionale barca a vela araba con una o più vele latine. È tipica delle coste della Penisola arabica, dell’India, e dei popoli swahili dell’Africa orientale. Un grosso dau può imbarcare circa trenta persone mentre uno piccolo normalmente ne accoglie una dozzina.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Per vedere tutte le foto che ho scattato in Qatar clicca qui:
foto gallery

[ENG] Typical boat in Doha.
On tour to the capital of Qatar you cannot miss a photo of the typical boat of this country: the dau.
Actually, before doing a search on the internet, I knew very little about it. Now I have discovered that it is a typical boat of the whole South-Eastern area.
By now, almost all in Doha, they are destined for elite tourism.

Leudo rivano in rada di Sestri Levante

leudo rivano in bianco e nero

Leudo rivano in rada di Sestri Levante

Da qualche giorno un bel leudo rivano, credo che sia il Nuovo Aiuto di Dio (questo il suo nome), è nella rada del porto di Sestri Levante.
Ho scattato la foto in bianco e nero perché la rendeva più affascinante.

leudo rivano in bianco e nero

Foto scattata con macchina Canon 600D e lente Tamron 16-300.

Il leudo o loido (in lingua italiana anche leuto o liuto, in lingua ligure lœidu o leûdo pron. /’løɪdu/) è il nome dato, in Liguria, ad una famiglia di barche a vela latina che sono state utilizzate per le attività di cabotaggio (trasporto di merci) fino agli ultimi decenni del Novecento, in tutta l’area mediterranea.
Continua su Wikipedia.

Se invece volete leggere il bel articolo sul feudo rivano, scritto da Edoardo Bo, vi invito ad andare sul sito trigoso.it.