Barattolo in Baia delle Favole

Barattolo in Baia delle Favole

Barattolo in Baia delle Favole

Barattolo in Baia delle Favole.
Dopo alcuni mesi lontano da casa (chi mi conosce sa che lavoro sulle navi da crociera per cui sono più in giro per il mondo che nella mia Sestri Levante) rieccomi in un sabato mattina di fine febbraio.
Nella Baia delle Favole (di solito il mio soggetto preferito è l’altra, e più famosa spiaggia sestrese, quella del Silenzio), sferzata durante i mesi passati da alcune mareggiate importanti, c’è un po’ di tutto. E ci rimarrà fino a tarda primavera quando si comincerà a pulire l’arenile.
Tra i tanti sassi (di cui pubblicherò una foto successivamente) anche molta spazzatura.
Questo, ad esempio, è un barattolo di latta arrugginito.
Mi piaceva la composizione con l’Isola sullo sfondo.

Barattolo in Baia delle Favole

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF 40.

[ENG] Jar in the Bay of The Favole.
After a few months away from home (who knows me knows that I work on cruise ships and I am more around the world than in my Sestri Levante) I am back in a Saturday morning of late February.
In the Bay of The Favole (usually my favorite subject is the other, and more famous bay of Sestri, the Silence one), lashed during the months by some major storms, there is a bit ‘of everything. And it will remain there until late spring when the beach begins to be cleaned.
Among the many stones (of which I will publish a photo later) also a lot of rubbish.
This, for example, is a rusty tin can.
I liked the composition with the Island in the background.

Tana del granchio

Tana del granchio

Tana del granchio

Tana del granchio.
Queste foto forse risulteranno incomprensibili ad una prima occhiata. Anche a me lo sono sembrate quando passeggiavo sulla spiaggia sabbiosa di Langkawi, in Malesia.
Poi osservando da piu’ vicino ho notato che nel mezzo di queste figure c’era un buchetto dal quale ogni tanto usciva un granchietto.
In pratica, questo l’ho capito io ma potrebbe essere una cavolata, il granchio creando il buco per la tana impasta queste pallette di sabbia che deposita tutto attorno. Si lascia poi dei corridoi per muoversi.
Alcune di queste tane sembrano collegate magari sono coppie!
Guradete voi e ditemi cosa ne pensate:

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

I granchi sono in particolare dotati di un robusto carapace e di due potenti chele, pertanto utilizzano quattro paia di arti per il movimento e le chele per prendere, difendersi e cibarsi. L’addome è ripiegato verticalmente ed è quindi nascosto. Molte specie sono notturne, quando la presenza di potenziali predatori è minore; l’alimentazione varia da specie a specie e comprende animali, piante, carcasse.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Spiaggia a Langkawi

Spiaggia a Langkawi

Spiaggia a Langkawi

Spiaggia a Langkawi.
Qualche settimana fa ormai sono stato in Malesia, esattamente a Langkawi (una delle sue tante isole).
Mare splendido e acqua caldissima.
Ritorneremo tra poco e faremo un altro bagnetto.

Bandiera a Langkawi

Spiaggia a Langkawi

Spiaggia a Langkawi

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

L’isola di Langkawi è la maggiore dell’arcipelago omonimo, formato da 99 isole, e fa parte dello Stato federato del Kedah, in Malaysia. Si trova lungo il confine marittimo con la Thailandia.
Continua su Wikipedia.

Dove si trova l’isola:

Spiaggia dal Bunker a Riva a luglio

Spiaggia dal Bunker a Riva a luglio

Spiaggia dal Bunker a Riva a luglio

Spiaggia dal Bunker a Riva a luglio.
Un paio di settimane fa sono stato a Riva Trigoso e ho scattato qualche foto alla fine della passeggiata di Ponente all’altezza del Bunker Bar.
I lettini e gli ombrelloni sono spiegati al vento e la spiaggia pullula di bagnanti. Non c’era ancora il caldo opprimente di questi giorni ma si stava proprio bene!
Sullo sfondo il cantiere (ma finalmente non c’è più il “Cantierino” che deturpava la vista).
Invidia per chi si faceva un bagnetto.

Spiaggia dal Bunker a Riva a luglio

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Ecco dove si trova questa spiaggia:

La spiaggia di Valencia

La spiaggia di Valencia

La spiaggia di Valencia

La spiaggia di Valencia.
Non la posso certo considerare una spiaggia da sogno (come ne ho fotografate e postate tante qui) e non è sicuramente un luogo di quelli che si programma di vedere nella città castigliana ma comunque, se siete qui in vacanza d’estate, una capatina la si può fare.
Lungo la bella e lunga passeggiata ci sono diversi ottimi ristoranti e bars.
Si chiama Playa del Cabanyal. La sabbia dorata si estende per molti metri e proprio prima di arrivare al mare ci sono moltissimi ombrelloni e lettini.
L’acqua non è sicuramente indimenticabile… colore pessimo e poco invitante.
C’è molta folla e questo è positivo.

La spiaggia di Valencia

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

foto gallery

Dove si trova la spiaggia:

Castello di sabbia a Valencia

Castello di sabbia a Valencia

Castello di sabbia a Valencia

Castello di sabbia a Valencia.
I castelli di sabbia sono sempre affascinanti. Se poi è grande e ben fatto come quello che c’è sulla spiaggia di Valencia rimangono tutti con la bocca aperta, anche gli adulti.
Questo, che è rimasto lì per tutti e quattro i giorni che sono stato nella città spagnola, era sempre ben controllato e inumidito dall’autore che se ne stava tutto il giorno lì a guardia (e a chiedere un’offertina).

Castello di sabbia a Valencia

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Ho trovato questo sito nel quale si spiegano alcuni trucchi per costruire splendidi castelli di sabbia: stilearte.it

foto gallery