Prosciutti spagnoli appesi

Prosciutti spagnoli appesi a Valencia

Prosciutti spagnoli appesi

Prosciutti spagnoli appesi.
Capita spesso di trovare in Spagna (la foto è stata fatta a Valencia) luoghi, e soprattutto, cibi come questi.
E’ uno degli emblemi culinari della Spagna: lo Jamon (serrano o iberico che sia)!
Quasi sempre, nei luoghi in cui si vende ai turisti, è appeso in bella mostra con il suo caratteristico cono sul fondo che serve a raccogliere eventuali gocce di unto.

Prosciutti spagnoli appesi a Valencia

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Il prosciutto serrano (jamón serrano) si differenzia da quello iberico (jamón ibérico) per la razze impiegate, per la tipologia di alimentazione dei suini e per il processo di stagionatura. Per il prosciutto serrano, sono impiegati suini di razza bianca, alimentati principalmente a mangimi di cereali. La stagionatura ha uno sviluppo da sette a ventiquattro mesi.
Continua su Wikipedia.

Se volete vedere altre foto oppure leggere leggere altri articoli sul prosciutto spagnolo vi invio, più in basso, ai link suggeriti.
Se invece volete approfondire l’argomento al di fuori di questo sito vi rimando a prosciuttospagnolo.net.

Carne alla pietra a Valencia

Carne alla pietra a Valencia

Carne alla pietra a Valencia

Carne alla pietra a Valencia.
Un modo particolare e molto spettacolare per cuocere la carne è quello di scaldare una bella pietra (ollare) e poi, tolta dal fuoco, appoggiarvi sopra la carne fino al punto desiderato.
In questo caso poi la pietra era stata portata di fianco al tavolo dove mangiavamo e la cottura è avvenuta in diretta (e tra l’altro mi sono anche un pochino bruciato perché non c’era molto spazio).
Ho fatto anche un bel video che ho però pubblicato su Instagram.

Carne alla pietra a Valencia

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Ho trovato questo bel post su come cucinare con la pietra ollare e cosa è meglio cucinarvi: galbani.it.

[ENG] Stone meat in Valencia.
A special and very spectacular way to cook the meat is to heat a beautiful stone (ollare) and then, removed from the heat, place the meat on it until the desired point.
In this case then the stone was brought to the table where we ate and the cooking took place live (and by the way I also burned a little because there wasn’t much space).

La spiaggia di Valencia

La spiaggia di Valencia

La spiaggia di Valencia.
Non la posso certo considerare una spiaggia da sogno (come ne ho fotografate e postate tante qui) e non è sicuramente un luogo di quelli che si programma di vedere nella città castigliana ma comunque, se siete qui in vacanza d’estate, una capatina la si può fare.
Lungo la bella e lunga passeggiata ci sono diversi ottimi ristoranti e bars.
Si chiama Playa del Cabanyal. La sabbia dorata si estende per molti metri e proprio prima di arrivare al mare ci sono moltissimi ombrelloni e lettini.
L’acqua non è sicuramente indimenticabile… colore pessimo e poco invitante.
C’è molta folla e questo è positivo.

La spiaggia di Valencia

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Clicca qui per vedere tutte le foto della città spagnola:
foto gallery

Dove si trova la spiaggia:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il mercato centrale di Valencia

La cupola del Mercato di Valencia

Il mercato centrale di Valencia.
Uno dei simboli e punti sicuramente più visitati a Vencia è il suo Mercato coperto (Mercado Central).
Un edificio monumentale (che chi visita la Spagna comunque è abituato a vedere).
Tanta gente, soprattutto turisti, e tanti cibi tipici spagnoli.

Il mercato Centrale di Valencia

La cupola del mercato:

La cupola del Mercato di Valencia

Oggi, il Mercado Central raggruppa quasi 400 piccoli commercianti, mobilizzando 1.500 persone al giorno. È il più grande centro d’Europa dedicato alla specialità dei prodotti freschi; e il primo mercato del mondo che ha affrontato la sfida dell’informatizzazione delle vendite e della consegna a domicilio dal 2 ottobre 1996. Il Mercato Centrale vende tutti i tipi di cibo come pesce, frutti di mare, frutta, carni e salumi per il consumo interno e per fornire importanti ristoranti a Valencia.
Continua su Wikipedia.

foto gallery

Dove si trova il Mercato:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Plaza de Toros a Valencia

Plaza de Toros a Valencia

Plaza de Toros a Valencia.
La piazza della Stazione del Nord di Valencia con l’arena dei tori sulla sinistra (da cui il titolo del post).
L’arena è in stile neoclassico (si dice che sia ispirato al Colosseo).
Al suo interno si svolgono ancora combattimenti di tauromachia (con i tori cioè).

Plaza de Toros a Valencia

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Clicca qui per vedere tutte le foto:
foto gallery

Sul sito lovevalencia.com ho trovato una bella descrizione dell’arena.

Lo sviluppo di recinti con caratteristiche specifiche per la realizzazione di corride di tori viene relazionato con lo sviluppo dello spettacolo come tale. Nella antichità i circhi romani avevano caratteristiche simili a quelle delle odierne arene per tauromachia (di fatto l’arena di Nîmes, in Francia, è un anfiteatro romano), e l’origine delle corride è relazionata alle antiche tradizioni romane, sebbene questi recenti in principio non erano molto utilizzanti per questi eventi.
Continua su Wikipedia.

Dove si trova questa piazza:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

[ENG] Bullring in Valencia.
The square of the North Station of Valencia with the bullring on the left (hence the title of the post).
The arena is in neoclassical style (it is said to be inspired by the Colosseum).
Inside there are still bullfighting fights (with the bulls that is).

Paella valenciana

Paella valenciana

Paella valenciana.
La paella originale (o almeno così si dice) è quella di Valencia.
A dire la verità c’è già una bella foto di questo splendido piatto che mi era stata data dalla Simona (qui) ma queste sono più recenti e soprattutto le ho scattate io:

Paella valenciana

Paella valenciana

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

foto gallery

La ricetta della Paella di Valencia, in quanto considerato un piatto tradizionale della cultura valenciana[6], prevede riso, la rosolatura di carne marinata, verdure verdi, pomodori e fagioli, ai quali si aggiungono lumache, brodo e spezie, come paprica, zafferano e rosmarino.
Continua su Wikipedia.