Macchinine giocattolo a Mostar (foto)

Macchinine giocattolo a Mostar

Macchinine giocattolo a Mostar

A Mostar ci sono anche questi giochi in un negozio di souvenir.

Il maggiolino volkswagen col numero 55 (il famoso Herbie della Disney aveva il numero 53) in primo piano è splendido e così, in foto, potrebbe sembrare anche vero.

Macchinine giocattolo a Mostar

Tralascio la Mini Cuper, la Due Cavalli e l’aereoplanino.

Birra Sarajevsko: bionda bosniaca

Birra Sarajevsko: bionda bosniaca

Birra Sarajevsko: bionda bosniaca.
Una delle cose che in giro per il mondo mi piace fotografare è la birra locale.
Questa l’abbiamo trovata a Sarajevo e, ovviamente, si chiama Sarajevsko.

birra Sarajevsko

La birra è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione di mosto a base di malto d’orzo, aromatizzata e amaricata con luppolo. La birra è una delle più diffuse e più antiche bevande alcoliche del mondo. Viene prodotta attraverso la fermentazione alcolica con ceppi di Saccharomyces cerevisiae o Saccharomyces carlsbergensis di zuccheri derivanti da fonti amidacee, la più usata delle quali è il malto d’orzo, ovvero l’orzo germinato ed essiccato, chiamato spesso semplicemente malto. Vengono poi usati frumento, il mais, il riso – questi ultimi due specialmente come aggiunte in birre di produzione industriali – e, in misura minore, l’avena, il farro, la segale. Altre piante meno utilizzate sono invece la radice di manioca, il miglio e il sorgo in Africa, la patata in Brasile e l’agave in Messico.
Continua su Wikipedia.

Foto di Mostar – Bosnia Erzegovina

Ponte di mostar

La città Bosniaca di Mostar è famosa in tutto il mondo per il suo ponte (Stari Mostar) che fu distrutto durante la guerra della ex Jugoslavia ed assunse quasi un ruolo di simbolo della guerra e poi della ricostruzione.

Ponte di mostar

Clicca qui per vedere le altre foto della cittadina.
foto gallery

E’ una città di 113.169 abitanti della Bosnia-Erzegovina, capoluogo del cantone dell’Erzegovina-Narenta all’interno della Federazione di Bosnia ed Erzegovina. È il principale centro storico, culturale ed economico dell’Erzegovina ed è attraversata dal fiume Narenta. Il nome deriva dal suo “ponte vecchio” (lo Stari Most) e dalle torri sulle due rive, dette i “custodi del ponte” (mostari), che unitamente all’area circostante è stata riconosciuta dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità nel 2005.
Continua su Wikipedia.

Dove si trova la città:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La Fiamma Eterna di Sarajevo

La Fiamma Eterna di Sarajevo

La Fiamma Eterna di Sarajevo

La Fiamma Eterna di Sarajevo.
Uno dei simboli di Sarajevo: la Vječna Vatra, la fiamma che arde in eterno e che ricorda la liberazione dai nazisti e per i morti della seconda guerra mondiale.

La Fiamma Eterna di Sarajevo

La fiamma cosiddetta eterna (bosniaco/croato/serbo: Vječna vatra / Вјечна ватра) è un memoriale delle vittime militari e civili della seconda guerra mondiale a Sarajevo, in Bosnia ed Erzegovina. Il memoriale fu dedicato il 6 aprile 1946, il primo anniversario della liberazione di Sarajevo dall’occupazione durata quattro anni dalla Germania nazista e dallo stato indipendente fascista della Croazia.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Clicca qui per vedere tutte le foto scattate a Sarajevo:
foto gallery