Pizza Margheta da Di Matteo

Pizza Margheta da Di Matteo

Pizza Margheta da Di Matteo

Pizza Margheta da Di Matteo.
Una splendida pizza mangiata in quel di Napoli mette sempre l’anima in pace.
Continua la mia carrellata delle pizzerie piu’ famose della citta’ partenopea; questa e’ la pizza della famosa pizzeria Di Matteo sempre in via dei Tribunali (recensione di TripAdvisor).
Confermo che e’ tra le migliori che ho gustato fino ad adesso ed in piu’, nel locale, si possono gustare anche altre prel;ibatezze della cucina napoletana.

Pizza Margheta da Di Matteo

Pizza Margheta da Di Matteo

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

La pizza napoletana, dalla pasta morbida e sottile, ma dai bordi alti, è la versione della pizza tonda preparata nella città di Napoli. Essa è intesa, su scala mondiale, come la pizza italiana per antonomasia. Dal 5 febbraio 2010 è ufficialmente riconosciuta come Specialità tradizionale garantita dell’Unione Europea e nel 2017 l’arte del pizzaiolo napoletano, di cui la pizza napoletana è prodotto tangibile, è stata dichiarata dall’UNESCO come patrimonio immateriale dell’umanità.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Pizza Margheta from Di Matteo.
A splendid pizza eaten in that of Naples always puts the soul in peace.
Continue my tour of the most famous pizzerias in the city of Naples; this is the pizza of the famous pizzeria Di Matteo always in via dei Tribunali (review by TripAdvisor).
I confirm that it is among the best that I have tasted so far and in addition, in the restaurant, you can also enjoy other dishes of the Neapolitan cuisine.

Margherita con bufala e pomodorini

Margherita con bufala e pomodorini

Margherita con bufala e pomodorini

Margherita con bufala e pomodorini.
Una bella e buona pizza mangiata a Napoli. Un classico: mozzarella e pomodorini, fantastica.
A dire la verita’ oltre ai due gia’ menzionati ingredienti ce n’era un terzo (che ultimamente comincio ad apprezzare sulla pizza) che era il parmigiano.
Non era in una delle pizzerie famose in citta’ ma nella classica che uso frequentare di fronte al porto la trattoria Castel Nuovo.

Margherita con bufala e pomodorini

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

La mozzarella di bufala campana è un prodotto caseario dell’Italia Meridionale, prodotto tradizionalmente in Campania, soprattutto nelle province di Caserta e Salerno. La produzione di questo formaggio tipico si svolge anche in altre parti della Campania nonché nel Lazio meridionale, nell’alta Puglia e nel comune di Venafro in Molise.
Il termine mozzarella deriva dal nome dell’operazione di mozzatura compiuta per separare l’impasto in singoli pezzi. È spesso definita regina della cucina mediterranea, ma anche oro bianco o perla della tavola, in ossequio alle pregiate qualità alimentari e gustative del prodotto.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Margherita con bufala e pomodorini.
Una bella e buona pizza mangiata a Napoli. Un classico: mozzarella e pomodorini, fantastica.
A dire la verita ‘oltre ai due gia’ menzionati ingredienti ce n’era un terzo (che ultimamente è stato ad apprezzare sulla pizza) che era il parmigiano.
Non è mai stato in una delle pizzerie famose in citta ‘ma nella classica che uso frequentare di fronte al porto la trattoria Castel Nuovo.

Pizza di Bellillo a Napoli

Pizza di Bellillo a Napoli

Pizza di Bellillo a Napoli

Pizza di Bellillo a Napoli.
Lo so: tutti penserete che ho poca fantasia nel fotografare… Che cosa ci posso fare pero’ se il mio viaggiare mi porta ogni lunedi’ a Napoli?
Ovvio che magari non tutte le settimane (ma quasi) mi esco a mangiare una pizza originale.
Questa, per esempio, l’ho gustata da Bellillo e la pizza era una Margherita con Bufala DOP (pomodoro biologico, mozzarella di bufala campana DOP (Caseificio Pagliuca), parmigiano reggiano (24 mesi stagionato), Olio EVO Ancino verde (Uliveti Castel San Martino) e basilico).
Era proprio buonaissima.

Pizza di Bellillo a Napoli

Pizza di Bellillo a Napoli

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

La pizza napoletana, dalla pasta morbida e sottile, ma dai bordi alti, è la versione della pizza tonda preparata nella città di Napoli. Essa è intesa, su scala mondiale, come la pizza italiana per antonomasia. Dal 5 febbraio 2010 è ufficialmente riconosciuta come Specialità tradizionale garantita dell’Unione Europea e nel 2017 l’arte del pizzaiolo napoletano, di cui la pizza napoletana è prodotto tangibile, è stata dichiarata dall’UNESCO come patrimonio immateriale dell’umanità.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Bellillo’s Pizza in Naples.
I know: you will all think that I have little imagination in photographing … What can I do if my travel takes me every Monday to Naples?
Obviously, maybe not every week (but almost) I go out to eat an original pizza.
This, for example, was enjoyed by Bellillo and the pizza was a Margherita with Bufala DOP (organic tomato, buffalo mozzarella DOP (Caseificio Pagliuca), parmigiano reggiano (24 months seasoned), Olio EVO Ancino verde (Uliveti Castel San Martino) and basil).
It was really very good.

Mozzarella tagliata

Mozzarella tagliata

Mozzarella tagliata

Mozzarella tagliata.
Spesso la mozzarella si vede fotografata prima di essere tagliata e gustata. Qui pero’ eravamo gia’ andati molto oltre.
Vedere tutto il latte che solo una vera mozzarella napoletana sa dare?

Mozzarella tagliata

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-S10.

Le origini della mozzarella si perdono nel tempo e gli autori non sono d’accordo sull’epoca in cui fu inventato questo latticinio (più comunemente, ma meno correttamente, detto latticino); certamente esso ha una lunga storia. La mozzarella, a causa della necessità di essere consumata freschissima, sino all’avvento delle ferrovie era prodotta in piccole quantità ed era consumata esclusivamente nei pressi dei luoghi di produzione.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Invece qui vi rimando ad altre foto che ho scattato per la citta’:
foto gallery

[ENG] Cutted mozzarella.
Mozzarella is often seen photographed before being cut and tasted. Here, however, we had already gone much further.
See all the milk that only a true Neapolitan mozzarella can give?

La mozzarella mangiata a Napoli

La mozzarella a Napoli

La mozzarella mangiata a Napoli

La mozzarella mangiata a Napoli.
Come si fa a visitare la citta’ Partenopea e non ordinare una bella mozzarella (o una pizza)?
E anch’io ovviamente non sono da meno. Mozzarella, pomodorini, taralli e basilico.
La foto forse non rende bene quanto era buona… fidatevi!

La mozzarella a Napoli

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-S10.

Le origini della mozzarella si perdono nel tempo e gli autori non sono d’accordo sull’epoca in cui fu inventato questo latticinio (più comunemente, ma meno correttamente, detto latticino); certamente esso ha una lunga storia. La mozzarella, a causa della necessità di essere consumata freschissima, sino all’avvento delle ferrovie era prodotta in piccole quantità ed era consumata esclusivamente nei pressi dei luoghi di produzione.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Invece qui vi rimando ad altre foto che ho scattato per la citta’:
foto gallery

[ENG] The mozzarella eaten in Naples.
How do you visit the city Partenopea and not order a nice mozzarella (or a pizza)?
And of course I’m not far behind. Mozzarella, cherry tomatoes, taralli and basil.
The picture may not be as good as it was good … trust me!

Pizza margherita con mozzarella di bufala a Napoli

pizza margherita

Pizza margherita con mozzarella di bufala a Napoli

La pizza margherita a Napoli è una scienza perfetta. In qualunque posto si provi si esce sempre soddisfatti.
Questa era una ottima pizza margherita con mozzarella di bufala e pomodoro DOP…. un grannìzzi ’i Dìu!

pizza margherita

Foto scattata con iPhone 6.

Pizzaria gustata a Napoli nella Pizzeria Attanasio.

Una diffusa credenza vuole che nel giugno 1889, per onorare la Regina d’Italia, Margherita di Savoia, il cuoco Raffaele Esposito della Pizzeria Brandi inventò una pietanza che chiamò proprio pizza-Margherita (con riferimento al fatto che il termine “pizza”, allora sconosciuto al di fuori della città partenopea, indicava quasi sempre le torte dolci), dove i condimenti salati capitategli tra le mani, pomodoro, mozzarella e basilico, rappresentavano addirittura gli stessi colori della bandiera italiana.
Continua su Wikipedia.