Torta di carciofi (foto hdr)

Torta di carciofi

I carciofi sono una delle verdure di stagione e farne una torta, una specie di torta pasqualina, è un ottimo modo per gustarli. Questa è la torta di carciofi preparata da mia mamma a casa:

Foto scattate con macchina Canon 600D e lente Canon EF 40.

Taglierini paglia e fieno ai carciofi (foto e ricetta)

Taglierini paglia e fieno ai carciofi


Oggi ho pensato di fare per me un piatto che preparava un mio amico e grande Chef di origini siciliane ma cresciuto in Liguria: taglierini paglia e fieno ai carciofi.

Per persona si utilizza un bel carciofo, che si pulisce con attenzione utilizzando anche il gambo, si taglia a fettine e si tiene immerso in acqua con qualche goccia di limone. Poi si immerge per 3 minuti circa in acqua bollente salata (sbiancatura). Si scola e si lascia raffreddare. Intanto si prepara un fondo con cipolla tritata, uno spicchio d’aglio in camicia e olio extra vergine. Una volta che il fondo è pronto si aggiunge il carciofo tagliato a fettine e si lascia soffriggere a fuoco alto per fargli perdere l’acqua rimasta dopo la sbiancatura e si bagna con poco vino bianco. Una volta che il vino è evaporato si aggiunge il pomodoro passato e li lascia cuocere lentamente aggiungendo un po’ d’acqua di cottura del carciofo se necessario per una ventina di minuti o anche più, se necessario.

Una volta pronta questa salsa si cuociono i taglierini e si fanno saltare in padella con la salsa di carciofo e, messi sul piatto, si aggiunge una presa di origano. Buon appetito. 

Una variante di questa ricetta è fatta senza pomodoro, utilizzando tagliatelle più grandi con l’aggiunta di besciamella e gratinando al forno in una pirofila.

Una volta che i carciofi sbiancati, si fanno saltare nel fondo di cipolla e aglio, si bagnano con il vino. Una volta che il vino è evaporato si lasciano cuocere lentamente aggiungendo acqua di cottura se necessario. Si aggiungono poi le tagliatelle (cotte molto al dente) e si fanno saltare affinché si insaporiscano aggiungendo un poco di grana grattugiato. Si abbassa la temperatura e, una volta che il tutto sarà raffreddato , si aggiunge la besciamella (in modo misurato e senza esagerare) si mescola bene il tutto e si mette in una pirofila unta con olio extra vergine. Si cosparge con un po’ di pane grattugiato e si inforna a forno caldo a 180 gradi. Buon appettito.

Carbonara leggera di carciofi, profumata con curcuma, la ricetta

carbonara di carciofi

Carbonara leggera di carciofi, profumata con curcuma

Questa mattina mi è venuta voglia di mangiare una carbonara… ma sono a dieta e così ne ho preparato una dietetica che volendo puó diventare un piatto unico per tutta la famiglia.

Ingredienti per 4 persone:
– 3 bei carciofi teneri, sbollentati e saltati in padella con 30 grammi d’olio extra vergine con 1 spicchio d’aglio;
– per la salsa: 3 uova (due intere ed un rosso), due cucchiai di latte, due cucchiai di grana grattugiato, curcuma, sale e pepe.

Ho pulito 3 bei carciofi, gambi compresi e li ho lasciati a bagno per qualche minuto in acqua fredda con limone. Poi li ho messi a cuocere in acqua bollente, salata e sempre con aggiunta di succo di limone. Una volta cotti li ho lasciati a raffreddare.
Ho poi preparato la base della carbonara sbattendo due uova intere ed un rosso, poco latte, un paio di cucchiai di formaggio grana grattugiato ed ho aggiunto una bella spolverata di curcuma macinata.

Ho messo a bollire 300 grammi di penne integrali in acqua salata e a parte ho fatto saltare a fuoco vivo i carciofi, affettati abbastanza fini, con poco olio extra vergine, uno spicchio d’aglio schiacciato e poco sale grosso, facendoli insaporire per bene e aggiungendo acqua se necessario.
Una volta cotta la pasta la ho saltata con i carciofi facendola insaporire per bene. Alla fine, spento il fuoco, ho messo nella padella la base fatta con le uova e gli altri ingredienti che avevo preparato in precedenza, mescolando bene e servendo la carbonara con una leggera macinata di pepe nero.

Eccovi i piatto finito:

carbonara di carciofi

Salsa di pomodoro rapida e frittata di carciofi (ricetta)

Salsa di pomodoro rapida e frittata di carciofi

Ed eccoci al primo appuntamento con Marietto…

Marietto è un single, con un lavoro che lo tiene fuori casa tutto il giorno ma che ha il tempo, tutti i giorni, di fare una piccola spesa. Alla sera, una volta a casa, si potrà preparare una piatto caldo.

In una dispensa non deve mai mancare: 1 bottiglia di olio extra vergine, un pacco di spaghetti, un paio di barattoli di pelati, una cipolla, una testa d’aglio, un po’ di frutta, uno spicchio piccolo di formaggio grana. Poi, un po’ di frutta ed un po’ di verdura da tenere in frigorifero, qualche uovo, un paio di limoni ed una confezione di latte.

Questa sera Marietto, al ritorno dal lavoro, si preparerà un bel piatto di spaghetti al pomodoro ed una frittata di carciofi, pertanto vedremo la ricetta per fare una rapida e ottima salsa di pomodoro, come si puliscono i carciofi e poi come si prepara una frittata. Per dare una base al lavoro scriverò sempre ricette per due,  quattro o più persone ma lo indicherò ogni volta

Salsa di pomodoro rapida (per 4 persone)

Innanzi tutto sarebbe perfetto utilizzare pomodori freschi ma, fuori stagione, è meglio usare i pelati. Comunque i pomodori freschi devono essere ben maturi (per esserne certi, una volta aperti, la parte interna deve essere ben rossa come l’esterna, i semi ben formati, senza parti bianche o verdognole). Per quattro persone sei bei pomodori freschi dovrebbero essere sufficienti altrimenti due scatole di pelati. Per Marietto un paio di pomodori o una scatoletta di pelati sarebbero sufficienti…

Lavate bene i pomodori, apriteli e schiacciateli un pochino per fare uscire i semi e tagliarli a cubetti con la pelle. Se sono pelati estrarli dalla scatola e schiacciarli un poco per fare uscire i semi ma senza esagerare. Tagliare poi il più fine possibile mezza cipolla e metterla a soffriggere a calore moderato in una dose giusta di olio d’oliva; mentre la cipolla soffrigge tritate uno spicchio d’aglio e aggiungetelo, ma solamente quando la cipolla inizierà ad ammorbidire. Se li mettete nella padella assieme, la cipolla rimarrà cruda e l’aglio bruciato. A questo punto aggiungete i pomodori tritati, mescolate e lasciate cuocere per dieci minuti o poco più: la salsa è pronta.

Frittata di carciofi (per 4 persone)

Scegliere 6/7 carciofi, che dovranno essere ben sodi al tatto, ben chiusi, con le foglie ed i gambi freschi. Preparare un contenitore con acqua fredda nella quale avrete messo il succo di mezzo limone, che conserverete. Per pulire i carciofi, bisogna tenere presente che le parti migliori sono il fondo e l’interno del gambo: le individuerete facilmente perchè ambedue sono più chiare. Tagliate poi i gambi e teneteli da parte. Tagliate via la punta di ogni carciofo a tre quarti circa della sua lunghezza. Con un coltello ben affilato cominciate a tagliare via le foglie dure iniziando dal fondo e girando il coltello come se sbucciaste una mela intera, ma fate con attenzione per non buttare via la parte interna. Una volta pulito esteriormente ogni carciofo, tagliatelo a metà. Mettete una metà nell’acqua e limone e dividete la seconda in due, togliendo poi dal centro tutta la peluria. Continuate la seconda metà facendo sempre attenzione a tenerli il più possibile a bagno. Una volta affettati i carciofi, procedete con i gambi, dei quali conserverete solamente la parte interna, quella più chiara e tenera. Mette poi sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e immergete a cuocere i carciofi a freddo, assieme con il mezzo limone già spremuto. A seconda della durezza, i carciofi cuoceranno in circa 10 minuti, pertanto, nel frattempo preparerete la frittata.

Sbattete bene 6 uova ed aggiungete loro, sempre sbattendo, sei bei cucchiai di grana grattugiato e un mezzo bicchiere di latte. Salate e pepate. Una volta cotti i carciofi, tagliateli a listarelle assieme con i gambi ed aggiungeteli alle uova mescolando bene.

Fate poi scaldare poco olio d’oliva in una padella antiaderente della misura giusta ed aggiungetevi il composto. Aumentate il fuoco e fate cuocere da una parte. Per girare la frittata, toglietela dal fuoco, con calma, metteteci sopra un piatto che la copra e, magari sul lavandino, giratela con un movimento rapido e sicuro; rimettela poi sul fuoco per farla cuocere dall’altra parte. Una volta cotta, mettetela sul piatto che avrete utilizzato per girarla, cercando di asciugare il più possibile i residui di olio che vi rimarranno.

Note:

  • i carciofi, una volta tagliati devono rimanere il più possibile in acqua e limone per non diventare neri e lo stesso dicasi per il mezzo limone aggiunto mentre cuociono
  • girare la frittata non è facile, pertanto consiglio di provare qualche volta mettendo nella padella un po’ di pasta cruda e girarla poi nel piatto

Ciao a tutti e buon appetito.

La foto dell’anteprima è stata scaricata da Pixabay.com