La Baia del Silenzio verso il Citto

Baia del Silenzio verso il Citto

La Baia del Silenzio verso il Citto

La Baia del Silenzio verso il Citto. Questa foto non è di oggi ma di alcuni mesi fa esattamente di fine maggio.
E’ stata scattata dalla piccola rotonda vicina all’Hotel Miramare che è uno dei molti accessi alla Baia, forse non il più famoso.
Potete vedere un muro della Galleria Museo Rizzi, l’hotel Helvetia ed il Citto Bar.
In alto, ma sfocato perché ho usato il filtro miniature, il convento dei Cappuccini:

Baia del Silenzio verso il Citto

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Ecco dove si trova la Baia se ancora non lo sappiate:

Arcobaleno nel cielo sestrese

Arcobaleno nel cielo

Arcobaleno nel cielo sestrese

Un bel arcobaleno nel cielo di Sestri Levante. E’ quello che è spuntato l’altro ieri sera, attorno alle 20. Purtroppo questi giorni, che sembrano autunnali invece che quasi estivi, regalano sole e pioggia ad intermittenza.

Arcobaleno nel cielo

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-S10.

Ma cos’è l’arcobaleno?

L’arcobaleno è un fenomeno ottico e meteorologico che produce uno spettro quasi continuo di luce nel cielo quando la luce del Sole attraversa le gocce d’acqua rimaste in sospensione dopo un temporale, o presso una cascata o una fontana. Visivamente è un arco multicolore, rosso sull’esterno e viola sulla parte interna, senza transizioni nette tra un colore e l’altro. Comunemente, tuttavia, lo spettro continuo viene descritto attraverso una sequenza di bande colorate; la suddivisione tradizionale è: rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco e violetto. Esso è la conseguenza della dispersione e della rifrazione della luce solare contro le pareti delle gocce stesse. In casi più rari è possibile assistere a più arcobaleni, tipicamente due, di cui uno appare bianco e più attenuato. In rari casi, un arcobaleno notturno può essere visto nelle notti di forte luce lunare ma, dato che la percezione umana dei colori in condizioni di poca luminosità è scarsa, gli arcobaleni lunari sono percepiti come bianchi.
Continua su Wikipedia.

Macchina d’epoca in Baia del Silenzio (foto)

Macchina d'epoca in Baia

Macchina d’epoca in Baia del Silenzio

Ieri in c’era una macchina d’epoca, una bellissima Porsche, in Baia del Silenzio.
Era credo la “carrozza” di una coppia che si stava sposando all’Ex Convento dell’Annunziata.
L’ho presa come soggetto per provare i vari filtri creativi della mia nuova macchina fotografica mirrorless:.
Come vi sembrano gli scatti?

Macchina d'epoca in Baia

Macchina d'epoca in Baia

Macchina d'epoca in Baia

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

La macchina dovrebbe essere una Porsche 356 A 1600 Speedster:

La Porsche 356 è un modello di automobile, sia coupé che roadster, prodotto dalla Porsche ininterrottamente dal 1948 al 1966. Può essere considerato il primo modello “di serie” prodotto dalla casa di Stoccarda. In poco meno di un ventennio si sono succedute parecchie versioni, con differenti motorizzazioni. La denominazione “Carrera”, in ricordo della buona prova nella Carrera Mexico del 1954, comparve per la prima volta proprio sulle versioni più potenti della “356”, quelle con doppio albero a camme in testa.
Continua su Wikipedia.

Dov’è l’Ex Convento dell’Annunziata:

Velelle in Baia del Silenzio il 16 maggio 2018 (foto)

Velelle

Velelle in Baia del Silenzio il 16 maggio 2018

Le velelle (o velette o barchette di San Pietro) si stanno dissolvendo lungo la spiaggia della Baia del Silenzio e, come chi le ha viste lo sa, non lo fanno lasciando un buon odore.
Complice la piccola mareggiata che in questi giorni sta sferzando la Riviera sono li spiaggiate sul bagnasciuga… Per fortuna quando il sole ritornerà se ne saranno già belle che andate.
Per ora la foto:

Velelle

Foto scattata con macchina Canon 600D e lente Tamron 16-300.

La Velella velella, detta anche barchetta di San Pietro o di San Giovanni, è una colonia di idrozoi della famiglia Porpitidae. Spesso viene ritrovata in tutti gli oceani, sulle rive o al massimo a 1-2 cm di profondità nell’acqua, con una preferenza per le acque calde o temperate. Come gli altri cnidari (celenterati), Velella velella è un animale carnivoro. Cattura la sua preda, generalmente plancton, tramite i tentacoli che contengono delle tossine. Queste tossine, pur essendo efficaci contro la preda, sono innocue per gli esseri umani, poiché non riescono a penetrare nella pelle e non causano nessuna reazione alla cute dell’uomo. Ciononostante è preferibile evitare di toccarsi gli occhi dopo aver preso in mano un Velella velella.
Continua su Wikipedia.

Dove si trova la Baia:

Baia del Silenzio il 16 maggio 2018

Baia del Silenzio il 16 maggio 2018

Baia del Silenzio il 16 maggio 2018

Baia del Silenzio il 16 maggio 2018.
Era un po’ di tempo che non postavo una bella foto della Baia del Silenzio (Portobello) ma complice un piccolo infortunio sono dovuto rimanere in casa in questi giorni. Non poteva certo mancare una bella foto della nostra baia più famosa a Sestri Levante.
Anche se stiamo ancora aspettando che arrivi la primavera (accidenti, siamo ad un mese dall’estate) e il tempo sembra più invernale che primaverile. In più la spiaggia è piena di velette (o velelle) e non c’è nemmeno un buon profumo nell’aria.

Baia del Silenzio il 16 maggio 2018

Foto scattata con macchina Canon 600D e lente Tamron 16-300.

Ecco dove si trova la Baia del Silenzio:

Renà la mattina del 31 maggio 2016 (foto)

Renà la mattina del 31 maggio 2016

Questa mattina sono andato a Renà a scattare delle foto, complice la mezza mareggiata e il cielo nuvoloso.
Ne ho scattate diverse ma questa mi pare la più carina: la Asseu, il famoso scoglio di Renà.

rena-31-05-2016

Colorata in hdr.