Le terrazze sul mare delle Cinque Terre

Le terrazze sul mare delle Cinque Terre in Liguria

Le terrazze sul mare delle Cinque Terre in Liguria.
Le Cinque Terre, situate sulla costa nord-occidentale dell’Italia, rappresentano uno dei gioielli nascosti del Mediterraneo. Questa regione pittoresca è famosa per le sue affascinanti terrazze che si affacciano sul mare, dando vita a una vista mozzafiato e a un’esperienza unica. In questo articolo, ti porteremo alla scoperta delle terrazze delle Cinque Terre, offrendo uno sguardo approfondito su cosa rende questo luogo così speciale.
Le Cinque Terre comprendono cinque affascinanti villaggi costieri: Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola, e Riomaggiore. Questi antichi borghi si sono sviluppati lungo le ripide scogliere della costa ligure, creando un paesaggio mozzafiato di terrazze, vigneti, e case colorate.
Una caratteristica distintiva delle Cinque Terre è la loro architettura unica. Le case affollano le pendici delle montagne, con i caratteristici gradoni di pietra che servono come terrazze. Questi terrazzamenti non solo creano spazio per le abitazioni, ma sono anche usati per coltivare uve, olivi e limoni.
Le terrazze delle Cinque Terre sono famose per i loro vigneti, che producono il pregiato vino Sciacchetrà. Queste viti si trovano su pendii così ripidi che è necessario raccogliere l’uva a mano. Camminare tra i vigneti e le piantagioni di limoni offre un’esperienza unica che ti farà sentire in armonia con la natura.
Una delle attrazioni principali delle terrazze delle Cinque Terre sono le viste panoramiche che offrono. Le case colorate affacciate sul mare creano una scenografia senza paragoni, con il blu profondo del Mediterraneo che si scontra con il verde delle colline. È difficile trovare un posto migliore per godersi uno spettacolo del genere, specialmente al tramonto.
Le terrazze delle Cinque Terre non sono solo affascinanti da ammirare, ma offrono anche numerose opportunità per escursioni. I sentieri che collegano i villaggi offrono paesaggi mozzafiato, con panorami che cambiano ad ogni passo. Tra i sentieri più famosi ci sono il Sentiero Azzurro e il Sentiero dell’Amore, entrambi perfetti per esplorare le terrazze e ammirare la bellezza naturale della zona.
Le Cinque Terre sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997. Questo riconoscimento è giustificato non solo dalla bellezza dei villaggi e delle terrazze ma anche dalla loro importanza storica come esempio di come l’uomo può adattarsi all’ambiente circostante.
Visita più di un villaggio: Ogni villaggio ha il suo fascino unico, quindi non limitarti a uno solo. Esplorane più di uno per avere una visione completa delle Cinque Terre.
Assaggia il vino locale: Prova il famoso Sciacchetrà, ma non dimenticare i piatti di pesce fresco e le specialità locali.
Pianifica in anticipo: Le Cinque Terre possono diventare affollate durante la stagione turistica, quindi pianifica la tua visita con anticipo.
Rispetta l’ambiente: Le terrazze delle Cinque Terre sono un tesoro naturale, quindi assicurati di rispettare l’ambiente e seguire le regole locali per la conservazione.

Le Cinque Terre sono una delle destinazioni più affascinanti e uniche d’Europa. La loro combinazione di paesaggi mozzafiato, storia, e cultura locale le rende un luogo imprescindibile per gli amanti della bellezza naturale e dell’esperienza autentica. Non importa se stai cercando di rilassarti in un ambiente incantevole o desideri esplorare la natura incontaminata, le terrazze delle Cinque Terre ti offriranno tutto questo e molto di più.

Hai mai percorso uno dei sentieri delle Cinque Terre? Aggiungi un tuo commento oppure vai nella parte bassa del sito per leggere cosa hanno scritto gli altri visitatori.

Le terrazze sul mare delle Cinque Terre in Liguria

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

The terraces overlooking the sea of the Cinque Terre in Liguria – Les terrasses avec vue sur la mer des Cinque Terre en Ligurie – Las terrazas con vistas al mar de Cinque Terre en Liguria – Os terraços com vista para o mar de Cinque Terre na Ligúria – Die Terrassen mit Blick auf das Meer der Cinque Terre in Ligurien – Ruộng bậc thang nhìn ra biển Cinque Terre ở Liguria – 俯瞰利古里亚五渔村大海的露台 – リグーリア州チンクエテッレの海を見渡すテラス

Il testo del post è stato scritto con l’aiuto di ChatGPT, un modello di lingua di OpenAI.

Le meravigliose guglie del Duomo di Milano

Le guglie del Duomo di Milano: icone di eleganza e storia

Le guglie del Duomo di Milano: icone di eleganza e storia.
Il Duomo di Milano, con la sua maestosa presenza e la sua straordinaria bellezza, è uno dei capolavori architettonici più iconici d’Italia e del mondo intero. Questa struttura gotica, che domina il cuore della città, è conosciuta per molti dettagli suggestivi, tra cui le sue impressionanti guglie. In questo articolo, esploreremo la storia e l’importanza delle guglie del Duomo di Milano.
Le guglie, o pinnacoli, sono elementi architettonici slanciati e appuntiti che adornano la sommità del Duomo. Rappresentano uno dei punti di riferimento più riconoscibili della cattedrale e sono una parte essenziale della sua identità. Le guglie sono situate sulla sommità delle torri, delle facciate e della navata centrale del Duomo, conferendo alla struttura una silhouette distintiva e suggestiva. Anche gli archi del Duomo di Milano non sono solo elementi strutturali, ma anche opere d’arte in sé. Le loro forme e proporzioni sono state progettate con grande cura per garantire un aspetto armonioso e suggestivo. Ogni arco è ornato con dettagli scolpiti e decorazioni gotiche che rappresentano figure religiose, scene della Bibbia e motivi floreali. Queste decorazioni rendono gli archi veri e propri capolavori di artigianato e design.
La costruzione del Duomo di Milano ebbe inizio nel XIV secolo, sotto la guida dell’arcivescovo Antonio da Saluzzo, ma il suo completamento richiese diversi secoli. Le guglie furono aggiunte durante i lavori di restauro del XIX secolo, quando l’architetto principale, Carlo Amati, decise di abbellire il Duomo con questi elementi gotici. Le guglie furono disegnate in modo da armonizzare con l’architettura gotica esistente del Duomo, creando un’armoniosa fusione tra lo stile originale e il nuovo.
La costruzione del Duomo di Milano ebbe inizio nel XIV secolo, sotto la guida dell’arcivescovo Antonio da Saluzzo, ma il suo completamento richiese diversi secoli. Le guglie furono aggiunte durante i lavori di restauro del XIX secolo, quando l’architetto principale, Carlo Amati, decise di abbellire il Duomo con questi elementi gotici. Le guglie furono disegnate in modo da armonizzare con l’architettura gotica esistente del Duomo, creando un’armoniosa fusione tra lo stile originale e il nuovo.
Oltre a essere elementi decorativi, le guglie servono anche a scopi pratici. Durante i restauri del XIX secolo, furono realizzate con materiali leggeri e resistenti, tra cui il ferro, al fine di resistere alle intemperie e alle oscillazioni termiche. Le guglie fungevano da contrappeso, riducendo il peso complessivo del tetto e stabilizzando la struttura. Inoltre, alcune di esse fungevano da croce direzionale, indicando ai naviganti la direzione di Milano quando venivano avvistate da lontano.
Oggi, le guglie del Duomo di Milano sono un’attrazione turistica di fama mondiale. Visitatori provenienti da tutto il mondo si affollano per ammirare questi spettacolari elementi architettonici e per godere della vista panoramica sulla città che si può ammirare dal tetto del Duomo. Le guglie non sono solo testimoni della storia e della cultura di Milano, ma sono anche un simbolo di innovazione e bellezza architettonica.

In conclusione, le guglie del Duomo di Milano sono un esempio straordinario di come l’arte, la religione e la funzionalità possano fondersi in un’unica struttura. Questi elementi gotici slanciati non solo adornano il cielo di Milano, ma raccontano anche una storia di impegno, perseveranza e bellezza intramontabile. Sono una testimonianza della grandezza umana e dell’abilità architettonica che continua a catturare l’immaginazione di coloro che le contemplano.

Hai mai visitato il Duomo di Milano? Aggiungi un tuo commento oppure vai nella parte bassa del sito per leggere cosa hanno scritto gli altri visitatori.

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 11-22.

Questo è il sito ufficiale del duomo: duomomilano.it.

Simbolo del capoluogo lombardo, e situato nell’omonima piazza al centro della metropoli, è dedicata a Santa Maria Nascente. È la chiesa più grande d’Italia.
Continua e approfondisci su Wikipedia

Ecco dove si trova il duomo:

The spiers of the Milan Cathedral: icons of elegance and history – Les flèches de la cathédrale de Milan : icônes d’élégance et d’histoire – Las agujas de la Catedral de Milán: iconos de elegancia e historia – As torres da Catedral de Milão: ícones de elegância e história – Die Türme des Mailänder Doms: Ikonen der Eleganz und Geschichte – Những ngọn tháp của Nhà thờ Milan: biểu tượng của sự sang trọng và lịch sử – 米兰大教堂的尖塔:优雅和历史的象征 – ミラノ大聖堂の尖塔: 優雅さと歴史の象徴

Il testo del post è stato scritto con l’aiuto di ChatGPT, un modello di lingua di OpenAI.

Lo scoglio detto Scalo Demola a Pieve Ligure

Lo scoglio detto Scalo Demola sulla costa di Pieve Ligure

Lo scoglio detto Scalo Demola sulla costa di Pieve Ligure.
Tutte le volte che la scorsa estate ho percorso la via aurelia di ritorno da Genova, mi sono fermato un momento in questo punto panoramico appena prima di Pieve Ligure.
Da un lato di questa piccola insenatura c’è questo scoglio con una terrazza piene di persone che prendevano il sole ed alcuni, i più giovani, che si tuffavano in mare dagli scogli.
Ho scoperto solo cercando informazioni per questo post che il quel punto si chiama Scalo Demola ed è uno dei pochi punti di quel paese per raggiungere il mare.

Conosci Pieve Ligure? Aggiungi un tuo commento oppure vai nella parte bassa del sito per leggere cosa hanno scritto gli altri visitatori.

Foto scattate con macchina Canon EOS RP e lente Tamron 16-300.

Ecco dove si trova questo punto:

Pieve Ligure è un comune italiano di 2404 abitanti della città metropolitana di Genova in Liguria. È posto al confine est del comune di Bogliasco e a ovest di Sori; a sud è bagnato dal mar Ligure, mentre il territorio a nord è disabitato, lasciando spazio alle cime della catena montuosa costiera. Il paese è strutturato su strade e antiche crêuze che si estendono lungo le pendici del Monte Santa Croce (518 m s.l.m.), con alberi di ulivo, pino marittimo e mimosa a comporre buona parte della flora del territorio.
Continua e approfondisci su Wikipedia

The rock called Scalo Demola on the coast of Pieve Ligure – Le rocher appelé Scalo Demola sur la côte de Pieve Ligure – La roca llamada Scalo Demola en la costa de Pieve Ligure – A rocha chamada Scalo Demola na costa de Pieve Ligure – Der Felsen namens Scalo Demola an der Küste von Pieve Ligure – Tảng đá có tên Scalo Demola trên bờ biển Pieve Ligure – 位于皮耶韦利古雷海岸的一块名为 Scalo Demola 的岩石 – ピエーヴェ・リーグレの海岸にあるスカロ・デモラという岩

La chiesa di Santa Lucia e Miradouro das Portas do Sol

La chiesa di Santa Lucia e il Miradouro das Portas do Sol a Lisbona

La chiesa di Santa Lucia e il Miradouro das Portas do Sol a Lisbona.
Non ho ancora avuto una buona occasione per fare una visita come si deve nella città di Lisbona.
Per adesso mi limito a fotografare quello che vedo dalla nave.
Questo è uno dei famosi punti panoramici con vista sulla città e sulla foce del fiume Tago.

Sei mai stato a Lisbona? Aggiungi un tuo commento oppure vai nella parte bassa del sito per leggere cosa hanno scritto gli altri visitatori.

Foto scattate con macchina Canon EOS RP e lente Tamron 16-300.

Per vedere tutte della partenza, con la nave, da Lisbona clicca qui:
foto gallery

Ecco dove si trova il punto fotografato:

Il Miradouro de Santa Luzia è un belvedere di Lisbona con un’ampia vista sull’Alfama e sul fiume Tago. I punti caratteristici, da sinistra a destra, sono la cupola di Santa Engrácia, la Chiesa di Santo Estêvão e le due torri bianche della Chiesa di São Miguel.
Continua e approfondisci su Wikipedia

The church of Santa Lucia and the Miradouro das Portas do Sol in Lisbon – L’église de Santa Lucia et le Miradouro das Portas do Sol à Lisbonne – La iglesia de Santa Lucía y el Miradouro das Portas do Sol en Lisboa – A igreja de Santa Lúcia e o Miradouro das Portas do Sol em Lisboa – Die Kirche Santa Lucia und das Miradouro das Portas do Sol in Lissabon – Nhà thờ Santa Lucia và Miradouro das Portas do Sol ở Lisbon – 里斯本的圣卢西亚教堂和太阳门观景台 – リスボンのサンタ ルチア教会とミラドウロ ダス ポルタス ド ソル

La statua di donna dello scultore Lustig

La statua di donna di Lustig che era a Sestri Levante

La statua di donna dello scultore Lustig che era a Sestri Levante.
Lo scultores ligure Leonardo Lustig ci lascia spesso delle opere d’arte che ben si intonano con la nostra splendida cittadina Sestri Levante.
Questa statua, che per qualche mese e’ stata sulla terrazza dell’Ex Convento dell’Annunziata raffigurava una donna, Eliska, propensa verso il mare.

Eri riuscito a vederla? Aggiungi un commento oppure vai nella parte bassa del sito per leggere cosa hanno scritto gli altri visitatori.

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-S 10-18.

The statue of a woman by the sculptor Lustig who was in Sestri Levante – La statue d’une femme du sculpteur Lustig qui se trouvait à Sestri Levante – La estatua de una mujer del escultor Lustig que estuvo en Sestri Levante – A estátua de uma mulher do escultor Lustig que estava em Sestri Levante – Die Statue einer Frau des Bildhauers Lustig, der sich in Sestri Levante aufhielt – Bức tượng người phụ nữ của nhà điêu khắc Lustig ở Sestri Levante – 位于塞斯特里莱万特的雕塑家勒斯蒂格创作的女性雕像 – セストリ・レバンテにあった彫刻家ルスティグ作の女性像

Palazzi di via Venti Settembre a Genova visti dal sagrato di Santo Stefano

Palazzi di via Venti Settembre a Genova visti dal sagrato di Santo Stefano

Palazzi di via Venti Settembre a Genova visti dal sagrato di Santo Stefano.
Tutte le volte che posso, quando mi trovo in via XX, salgo un momento alla chiesa di Santo Stefano a fotografare la via ed i palazzi dall’alto.
Non tutti sanno che andando in salita in via XX, appena dopo al Ponte Monumentale, c’è una piccola scalinata (che non promette niente di buono) che porta alla chiesa di Santo Stefano, splendida, e al sagrato che in realtà altro non è che un terrazzo sulla via centrale.

Ci sei mai stato? Fammi sapere la tua opinione su questo articolo e lascia un commento cliccando qui.

Palazzi di via Venti Settembre a Genova visti dal sagrato di Santo Stefano

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 11-22.

Ecco dove si trova questo punto di Genova:

Palaces of via Venti Settembre in Genoa seen from the churchyard of Santo Stefano – Palais de la via Venti Settembre à Gênes vus du cimetière de Santo Stefano – Palacios de via Venti Settembre en Génova vistos desde el cementerio de Santo Stefano – Paläste der Via Venti Settembre in Genua vom Kirchhof von Santo Stefano aus gesehen – Cung điện qua Venti Settembre ở Genoa nhìn từ sân nhà thờ Santo Stefano