Frutta martorana a Palermo

Frutta martorana a Palermo

Frutta martorana a Palermo

Frutta martorana a Palermo.
Conosciuta in tutto il mondo la frutta martorana, o marzapane, e’ uno dei dolci tipici siciliani.
Queste paste, dell’ottimo Antico Caffe’ Spinnato di Palermo, sono una goduria per gli occhi e, se non avete problemi di diabete, per lo stomaco!!!

Frutta martorana a Palermo

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

La versione siciliana, chiamata frutta di Martorana, è riconosciuta come prodotto agroalimentare tradizionale italiano dalla Regione Siciliana e tradizionalmente preparata per la commemorazione dei Defunti. Puglia e Toscana lo hanno inserito nei propri elenchi con il nome Marzapane. Anche in Liguria, soprattutto nella provincia di Genova, esiste la tradizione secolare di preparare dolcetti di marzapane, detti quaresimali, poiché in origine realizzati in quel periodo dell’anno.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Martorana fruit in Palermo.
Known worldwide as martorana fruit, or marzipan, it is one of the typical Sicilian sweets.
These pastas, from the excellent Antique Caffe ‘Spinnato in Palermo, are a pleasure for the eyes and, if you don’t have diabetes problems, for the stomach!!!

Cibo di strada cambogiano

Cibo di strada cambogiano

Cibo di strada cambogiano

Cibo di strada cambogiano.
Nel mercato coperto di Sihanoukville alla scoperta del cibo di strada (street food Cambogiano).
C’e’ un po’ di tutto: dagli splendidi banconi di frutta esotica alla carne fresca passando per il pesce e i dolciumi.
Comunque molte bancarelle sono da stomaci forti (visto l’odore non proprio sano che proveiva ad esempio dalla carne).
In questa foto un bel casco di banane di uno dei primi banchi di frutta:

Cibo di strada cambogiano

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Clicca qui per vedere tutte le foto:
foto gallery

Se volete vedere una panoramica del mercato (e non del solo cibo) andate sulla pagina Il mercato di Sihanoukville; se volete vedere le foto di un tempio sempre nelle vicinanze andate alla pagina Tempio Wat Leu.

Mercato di Sihanoukville

Mercato di Sihanoukville

Mercato di Sihanoukville

Mercato di Sihanoukville.
Prima volta che esco in Cambogia e vado a visitare uno dei posti piu’ dipici della citta’: il suo mercato.
Tanta frutta, un po’ di cibo di strada, tanto pesce, carne (ma non era molto invitante il banco del macellaio), magliette ed altre cose taroccate a gogo, e tantissimo oro (o comunque tantissime bancarelle che vendevano collane ed anelli d’orati).
Nella foto uno dei banchi di frutta che c’erano all’interno:

Mercato di Sihanoukville

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Per vedere tutte le foto cliccate qui:
foto gallery

Albicocche dal mio giardino

Albicocche dal mio giardino

Albicocche dal mio giardino

Albicocche dal mio giardino. Anche se dall’albero del mio giardino non ce ne sono più (ce le siamo mangiate tutte e purtroppo quest’anno non ce n’erano moltissime) vi posto una foto che ho fatto qualche giorno fa.
Un bel cestino di albicocche: le migliori del mondo! Grosse, carnose e dolcissime.
Non è certamente l’unica foto che è presente sul sito con questo soggetto ma non posso evitare di scattare a questo frutto così delizioso.

Albicocche dal mio giardino

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Ho trovato questo sito molto interessante (my-personaltrainer.it) che vi dice un sacco di informazioni nutrizionali riguardo questo frutto (e navigandolo) e su molti altri alimenti.

Cestino di ciliegie nostrane

Cestino di ciliegie nostrane

Cestino di ciliegie nostrane

Cestino di ciliegie nostrane.
Le ciliegie sono un tipo di frutta che amo fotografare. Queste ci sono state regalate da alcuni amici e sono proprio nostrane e completamente biologiche.
Le ho fotografate in hdr con un effetto un pochino scuro, per differenziarle un po’ dalle molte altre che già sono presenti sul sito:

Cestino di ciliegie nostrane

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Per la Chiesa cattolica la ciliegia ha anche un suo Santo protettore: San Gerardo dei Tintori, si trova nella città di Monza nell’omonima chiesa e si festeggia il 6 giugno. Secondo uno studio della University of Michigan Health System, una dieta ricca di ciliegie avrebbe dimostrato di poter ridurre i fattori di rischio associati a malattie cardiache e diabete di tipo 2 nei ratti.
Continua su Wikipedia.

Ciliegie nostrane

Ciliegie nostrane

Ciliegie nostrane

Ciliegie nostrane. Negli ultimi giorni alcuni amici ci stanno portando delle ottime ciliegie appena raccolte qui in zona.
Forse non sono duroni ma sono comunque ottime e gustose.

Ciliegie nostrane

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

La ciliegia è il frutto del ciliegio (Prunus avium). La pianta domesticata è stata ottenuta da ripetute ibridazioni della specie botanica. Il nome cerasa presente in diversi dialetti italiani, così come quello portoghese (cereja), francese (cerise), spagnolo (cereza), rumeno (cireş), in sardo (cerexa), e inglese (cherry), deriva dal greco κέρασος (kérasos) e da qui dal nome della città di Cerasunte (o meglio Giresun), nel Ponto (l’attuale Turchia) da cui, secondo Plinio il Vecchio, furono importati a Roma nel 72 a.C. da Lucio Licinio Lucullo i primi alberi di ciliegie.
Continua su Wikipedia.