Meduse all’Acquario di Genova (foto)

Meduse all’Acquario di Genova

Eccovi la foto di una delle meduse che vi accolgono all’Acquario.
Era diverso tempo che non visitavo l’Acquario di Genova (un classico non visitare i luoghi che mediano quando sono vicini a casa) e devo dire che è veramente molto bello. Negli anni poi mi sembra ampliato e sempre attuale.

Ovviamente la foto che ho inserito è quella di una medusa, credo molto suggestiva!

meduse

“La medusa è un animale planctonico, in prevalenza marino, appartenente al phylum degli Cnidari, che assieme agli Ctenofori formavano quelli che erano una volta i Celenterati.
Generalmente rappresenta uno stadio del ciclo vitale che si conclude dopo la riproduzione sessuata con la formazione di un polipo. Alcuni studi hanno verificato che la medusa Turritopsis nutricula è potenzialmente immortale perché è dimostrato che, col passare del tempo, è in grado di ringiovanire sempre di più fino a ricominciare un nuovo ciclo di vita. Questo processo di ringiovanimento sembra essere causato da forti fattori ambientali che partecipano ai mutamenti cellulari dell’organismo.” …continua su Wikipedia.

Meduse in mare (foto)

Meduse in mare

Meduse in mare

Meduse in mare

La foto forse non è delle più belle mai scattate dal mio iPhone ma rende l’idea delle tante meduse che qualche giorno fa riempivano il mare nel porto di Trieste. Forse la seconda foto rende ancora di più!

Meduse in mare

Velette in baia del Silenzio (foto)

Velette in baia del Silenzio

Non è proprio una cosa bella da vedere (e da odorare) ma è del tutto naturale: le velette (si dovrebbero chiamare velelle o barchette di San Pietro) che sono degli animali simili a meduse che in questo periodo vengono trascinate dalla corrente a riva dove, una volta spiaggiate, si dissolvono con il sole.

In questi giorni formano un tappeto blu-azzurro sul bagnasciuga di Portobello.

velette

La Velella velella, detta anche barchetta di San Pietro o di San Giovanni, è una colonia di idrozoi della famiglia Porpitidae. Spesso viene ritrovata in tutti gli oceani, sulle rive o al massimo a 1-2 cm di profondità nell’acqua, con una preferenza per le acque calde o temperate. Come gli altri cnidari (celenterati), Velella velella è un animale carnivoro. Cattura la sua preda, generalmente plancton, tramite i tentacoli che contengono delle tossine. Queste tossine, pur essendo efficaci contro la preda, sono innocue per gli esseri umani, poiché non riescono a penetrare nella pelle e non causano nessuna reazione alla cute dell’uomo. Ciononostante è preferibile evitare di toccarsi gli occhi dopo aver preso in mano un Velella velella.
Continua su Wikipedia.

La curiosità di un bambino per una medusa (foto)

medusa e bambino

La curiosità di un bambino per una medusa

medusa e bambino

Quando d’estate qualcuno tira fuori dall’acqua una medusa, tutti vanno a vederla.

Nella foto un bambino col papà che da “distante” ne osserva una! Un classico!

Medusa spiaggiata (foto)

Medusa spiaggiata

Medusa spiaggiata

Estate, tempo di sole, mare e… medusa!

Di solito sono in mare e ci si accorge della loro presenza solamente quando si è colti dal doloroso veleno.
Spesso si vedono in spiaggia, più per il fatto che qualcuno le ha tolte dall’acqua piuttosto che per una loro decisione.
Questa, in particolare, una delle più grandi che abbia mai visto, era ieri sulla spiaggia di Portobello a Sestri Levante… almeno per questa pericolo scampato!!!!

Medusa all’acquario di Cherbourg, in Francia (foto)

Medusa

Medusa all’acquario di Cherbourg, in Francia

Questa immagine, che non ho scattato di recente, immortala una splendida (ed enorme, ve lo assicuro) medusa dell’acquario di Cherbourg, in Francia.

Medusa

Animale veramente inquietante.

“E’ un animale planctonico, in prevalenza marino, appartenente al phylum degli Cnidari, che assieme agli Ctenofori formavano quelli che erano una volta i Celenterati.
Generalmente rappresenta uno stadio del ciclo vitale che si conclude dopo la riproduzione sessuata con la formazione di un polipo. Alcuni studi hanno verificato che la medusa Turritopsis nutricula è potenzialmente immortale perché è dimostrato che, col passare del tempo, è in grado di ringiovanire sempre di più fino a ricominciare un nuovo ciclo di vita. Questo processo di ringiovanimento sembra essere causato da forti fattori ambientali che partecipano ai mutamenti cellulari dell’organismo.” …continua su Wikipedia.