Febbraio 9

Stinco di maiale con verza, la ricetta

Scopri i migliori libri di ricette italiane e gli oggetti indispensabili per la cucina.
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ricetta stinco di maiale con verza

Questa mattina sono andato al supermarket ed ho visto l’offerta degli stinchi di maiale: Euro 3,85 al Kg.
Ho pensato pertanto ad una preparazione che vidi fare anni fa da uno chef austriaco ed ho a mia volta preparato questo piatto che non è senz’altro tipico di una cittadina di mare ma che è buonissimo ed adatto al freddo di questi giorni. Per dare una maggiore attenzione ai grassi, ho usato pochissimo olio e fatto in modo che lo stinco cuocia lentamente utilizzando il liquido della verza che, a sua volta, viene arricchita dal grasso rilasciato dalla carne. Lo spruzzo finale d’aceto serve per amalgamare ulteriormente i sapori, creando un equilibrio tra la carne con il dolciastro della verza.

Per due persone:

– Uno stinco di maiale (peso 650 grammi circa)
– Mezza cipolla
– Poco aglio
– Una verza piccola
– 30 gr. d’olio d’oliva
– Mezzo bicchiere di vino bianco
– Uno spruzzo di aceto
– Sale e pepe q.b.

Per prima cosa in una padella con poco olio ho fatto dorare lo stinco per formare attorno allo stesso una crosticina protettiva.

Ho messo poi nella casseruola di terracotta l’olio rimasto, la cipolla tritata e l’aglio. Poi ho aggiunto al soffritto lo stinco, la verza tagliata fine ed ho iniziato a far cuocere a fuoco alto. Quando tutto ha preso calore, ho aggiunto il vino bianco e, una volta evaporato, ho abbassato il fuoco, messo il coperchio e fatto cuocere lentamente per un’ora. A cottura ultimata lo stinco si sarà leggermente aperto e le verze saranno ormai ridotte a meno di un terzo del volume iniziale perché avranno perso tutta l’acqua contenuta. A questo punto ho spruzzato con un poco di aceto e, una volta evaporato, il piatto è pronto. Buon appetito!

stinco di maiale con verza

[ENG] This morning I went to the supermarket and I saw the offer of pork shanks: Euro 3,85 per kg (click here for other online offers). I thought, therefore, a preparation that I saw done years ago by an Austrian chef and I in my turn prepared this dish that is certainly not typical of a seaside town but is very good and suitable for the cold these days. To give greater attention to fat, I used a little olive oil and made sure that the knuckle bake slowly using the liquid of cabbage which, in turn, is enriched by the fat released from the meat. The final spray of vinegar serves to further blend the flavors, creating a balance between the meat with the sweet cabbage.

For two people:

– One pork shank (weight about 650 grams)
– Half onion
– A little garlic
– A small cabbage
– 30 gr. olive oil
– Half a glass of white wine
– One of vinegar spray
– Salt and Pepper To Taste.

For I browned the shin first in a pan with a little oil to form a protective crust around the same.

I put then in the earthenware dish the remaining oil, the chopped onion and garlic. Then I added the fried shin, the cabbage cut fine and I started to simmer over high heat. When everything has taken heat, I added white wine and, once evaporated, I lowered the heat, put the lid and cook slowly for an hour did. When cooked shin will be slightly open, and the cabbage will be now reduced to less than a third of the original volume because they will have lost all the water. At this point I sprayed with a little vinegar and, once evaporated, the dish is ready. Enjoy your meal!

Questa pagina ha avuto 2520 views totali.

Disclamer:

I diritti su immagini, video e cori sono disciplinati come da pagina Copyright.

Le categorie piu' importanti del sito e gli ultimi post:

  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Loris

Loris

Loris è un Capo Commissario in pensione. E' un amante della buona cucina ed è un ottimo chef. Le sue presentazioni di menù e cibi sono famose.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito utilizza i cookie. Per continuare a navigare al pieno "Accettali" permettendo il loro utilizzo.

maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi