Novembre 11

Gipfel: la tipica brioche salata svizzera

Scopri i migliori libri di ricette italiane e gli oggetti indispensabili per la cucina.

Gipfel: la tipica brioche salata svizzera

Gipfel: la tipica brioche salata svizzera.
Ho diversi cibi svizzeri che mi fanno impazzire. Uno di questi è sicuramente il tipico cornetto salato svizzero: il gipfel. Credo che risulti salato perché fatto con burro.

gipfel

I gipfel, che altro non sono che dei croissant al burro, sono facilmente rintracciabili anche in Italia anche se da noi il classico cornetto è quello dolce e non salato.
Facendo qualche ricerca ho trovato diverse ricette ma ho trovato pochissimo, in italiano, sull’origine.

Circolano persistenti storie popolari che attribuiscono erroneamente l’origine e la forma del croissant alla celebrazione della sconfitta dell’Impero ottomano nell’assedio di Vienna del 1683 o in quello di Budapest del 1686. Secondo queste storie un panettiere che stava lavorando alla notte udì il rumore dei turchi che stavano scavando una galleria sotterranea. Come ricompensa per aver salvato la città il panettiere ricevette il diritto esclusivo di produrre pasticceria a forma di mezzaluna per commemorare l’evento. Comunque non ci sono fonti originali dell’epoca che confermino alcuna di queste storie.
Continua su Wikipedia.

[ENG] Gipfel: the typical Swiss salty brioche.
I have several Swiss foods that drive me crazy. One of these is certainly the typical Swiss salted croissant: the gipfel. I think it is salty because done with butter. The gipfel, which are nothing but buttered croissants, are easily traceable even in Italy, even if the classic croissant is sweet and unsalted.

Questa pagina ha avuto 940 views totali.

Disclamer:

I diritti su immagini, video e cori sono disciplinati come da pagina Copyright.

Le categorie piu' importanti del sito e gli ultimi post:

  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Avatar

Lucadea

Luca è il creatore di questo sito. Gira per il mondo per lavoro e ama scattare fotografie e condividerle con tutti i visitatori.

You may also like...

Rispondi