Porticciolo di Camogli

Porticciolo di Camogli

Porticciolo di Camogli.
La splendida cittadina del Golfo Paradiso con i suoi palazzi ed il suo porticciolo colorato.
Questa foto è stata scatta alcuni mesi fa, esattamente a settembre, quando ho percorso il sentiero che da questa cittadina porta a San Fruttuoso.
Al ritorno, si arriva qui con il battello.

Porticciolo di Camogli

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Tipico borgo marinaro, centro turistico noto per il suo porticciolo e per i palazzi variopinti sul lungomare. È anche chiamata la “Città dei mille bianchi velieri”. I suoi abitanti, i camogliesi, per tradizione locale vengono talvolta denominati camoglini, sul modello del ligure camoggin.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Qui vi lascio anche un video, che ho realizzato in un’altra occasione sempre nel porticciolo di Camogli:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Video registrato con Gopro Hero5.

[ENG] Port of Camogli.
The splendid town of the Golfo Paradiso with its palaces and its colorful marina.
This picture was taken a few months ago, exactly in September, when I walked the path that leads from this town to San Fruttuoso.
On the way back, you arrive here by boat.

Superyacht nel porticciolo di Ibiza

Superyacht nel porticciolo di Ibiza

Superyacht nel porticciolo di Ibiza

Superyacht nel porticciolo di Ibiza.
Tutti sanno che Ibiza e’ l’isola del divertimento piu’ sfrenato e dell’ostentazione della ricchezza.
Il porticciolo dell’isola ne e’ il primo esempio: barche, yacht e panfili che sembrano quasi navi da crociera parcheggiati.
Ce ne era persino uno con l’elicottero. Voglio quotare la scritta di una foto che mi era arrivata su uno di quei gruppi What’s up: “ti accorgi di essere veramente ricco quando parcheggi la tua barca all’interno di un’altra tua barca”.

Superyacht nel porticciolo di Ibiza

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-S10.

Con il termine pànfilo o yacht vengono indicate navi da diporto di dimensioni e peso, superiori a 24 metri di lunghezza, aventi alloggi confortevoli e, spesso, eleganti allestimenti.
La parola yacht deriva dall’olandese jacht, che significa “caccia”. Nelle marine militari nordiche del XVII secolo, questo tipo di unità leggera e veloce aveva funzioni sia esplorative sia di trasporto. Le aziende produttrici hanno l’obiettivo di rendere questi tipi di imbarcazione molto veloci, leggere e maneggevoli. Il fatturato della produzione italiana in questo settore ammonta a fine 2012 a circa 2,7-2,8 miliardi di euro.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Superyacht in the Ibiza marina.
Everyone knows that Ibiza is the island of the most unbridled fun and the display of wealth.
The island’s small port is the first example: boats, yachts and yachts that look like parked cruise ships.
There was even one with the helicopter. I want to quote the text of a photo that came to me from one of those groups What’s up: “you realize you are really rich when you park your boat inside your other boat”.

A Madonna du ma a Framura

A Madonna du ma a Framura

A Madonna du ma a Framura.
La statua della Madonna del Mare (ma in genovese) posta sull’apice del grande scoglio nel porticciolo di Framura.
Gia’ in un altro post (qui) vi ho parlato di questa protettrice e di una bella preghiera a lei dedicata e affissa sempre nei pressi del porticciolo.

A Madonna du ma a Framura

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Nel 1797 con la dominazione francese di Napoleone Bonaparte la municipalità di Framura rientrò dal 2 dicembre nel Dipartimento del Vara, con capoluogo Levanto, all’interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 con i nuovi ordinamenti francesi, Framura rientrò nel VII cantone, capoluogo Deiva Marina, della Giurisdizione di Mesco e dal 1803 centro principale del V cantone del Mesco nella Giurisdizione del Golfo di Venere. Annesso al Primo Impero francese, dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento degli Appennini.
Continua su Wikipedia.

Dove si trova Framura:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il porticciolo di Framura

Porticciolo di Framura

Il porticciolo di Framura.
Qualche mese fa sono andato a fare una camminata nella pista ciclopedonale che da Framura va a Levanto.
Partenza dal porticciolo del paesino di Framura che di prima mattina era veramente un posto quieto e splendido.

Porticciolo di Framura

Porticciolo di Framura

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Situata sulla costa ligure, la piccola località di Framura si trova all’interno di una delle tante insenature e calette, tipiche della costa frastagliata della riviera ligure di levante. Il monte Serro (421 m. s.l.m.) rappresenta la cima più elevata del territorio framurese ed appartiene all’area protetta delle Cinque Terre.
Continua su Wikipedia.

Dove si trova Framura:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

A Madonna du ma

A a Madonna du ma

A Madonna du ma.
Come spesso accade nei porticcioli (o comunque dove ci sono comunita’ di pescatori) ci si affida ai Santi o alla Mandonna per un sicuro rientro a casa e per una buona pesca.
A framura, c’e’ la Madonna del Mare (a Madonna du Ma) e questa nella foto e’ la preghiera per Lei, in genovese ed in italiano:

A Madonna du ma

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Nel 1797 con la dominazione francese di Napoleone Bonaparte la municipalità di Framura rientrò dal 2 dicembre nel Dipartimento del Vara, con capoluogo Levanto, all’interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 con i nuovi ordinamenti francesi, Framura rientrò nel VII cantone, capoluogo Deiva Marina, della Giurisdizione di Mesco e dal 1803 centro principale del V cantone del Mesco nella Giurisdizione del Golfo di Venere. Annesso al Primo Impero francese, dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento degli Appennini.
Continua su Wikipedia.

Dove si trova Framura:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Scorcio di Kotor

Scorcio di Kotor

Scorcio di Kotor.
La cittadina montenegrina di Kotor (in teoria Cattaro in italiano) e’ una meta turistica amata dai croceristi perche’ per arrivarvi si attraversa uno splendido fiordo (credo il piu’ grande del Mediterraneo).
Una città e uno stato, il Montenegro, ancora da scoprire per molti viaggiatori. Una cittadina tutta da scoprire e, se ci fate caso, sembra di essere in Europa continentale (in Svizzera o in Austria) piuttosto che in ex Jugoslavia.
Nella foto un piccolo porticciolo con chiesa.

Scorcio di Kotor

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

La città si specchia nelle Bocche di Cattaro, un’articolata serie di profondi bacini perfettamente riparati dal mare aperto, che costituiscono il più grande porto naturale del mar Adriatico e ricordano vagamente, per la loro forma frastagliata, i fiordi norvegesi. Le Bocche di Cattaro, assieme a Cattaro stessa, garantiscono alla regione un afflusso turistico in costante aumento.
Continua su Wikipedia.

Dove si trova la cittadina:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Scorcio di Kotor.

[EMG] Glimpse of Kotor.
The Montenegrin town of Kotor (in theory Kotor in Italian) is a tourist destination loved by cruise passengers because to get there you cross a splendid fjord (I think the largest in the Mediterranean).
In the photo a small harbor with church.