Trippa alla ligure di casa mia, la ricetta

Trippa in umido

Trippa alla ligure di casa mia, la ricetta.

Trippa alla ligure di casa mia, la ricetta.
La trippa è una delle frattaglie più usate. Si cucina in tutte le regioni italiane ed è uno dei piatti poveri più saporiti consumati in tutto in tutto il mondo: non potrò mai dimenticare una straordinaria zuppa cinese di Hong Kong con spaghetti di riso e trippa caramellata…

A Genova e nelle riviere si potevano spesso incontrare delle tripperie, dove veniva venduta trippa e il suo brodo: una tazza di brodo di trippa ben caldo con un po’ di formaggio grattugiato e abbondante pane zuppato era una ottima e ricca colazione. Anche questa, però è una tradizione ormai quasi completamente scomparsa.

Quella che noi troviamo in macelleria è la trippa che ha già subito molte lavorazioni e molto lunghe: è stata raschiata, pulita e poi bollita a lungo. A questo punto viene messa in vendita e poi cucinata.

In casa nostra, come molti altri piatti, viene fatta alla ligure ma, come già detto altre volte, la mia cucina ligure è stata inquinata dalla sapienza e dai consigli dei numerosi cuochi con cui ho lavorato in giro per il mondo. Vi descriverò pertanto come la prepara mia moglie Emmi che è diventata una bravissima cuoca di piatti regionali.

Prima si sceglie la trippa mista di più tipi possibili e la si taglia a strisce fini.
Poi si fa un fondo con cipolla, sedano e si prepara da parte un buon brodo di carne caldo, vino bianco, olive taggiasche, pinoli, pochi funghi secchi ammollati, poco concentrato di pomodoro e patate tagliate a tocchetti.
Si fanno soffriggere i gusti in buon olio d’oliva non troppo abbondante (la trippa è grassa), e si aggiunge la trippa che lascia insaporire e scaldare; si aggiunge un buon bicchiere di vino bianco e lo si lascia evaporare. A questo punto si aggiungono i funghi secchi, i pinoli, le olive e poi le patate. Si fa scaldare il tutto rimescolando lentamente, lo si sala e si aggiunge il concentrato di pomodoro per poi bagnare il tutto con il brodo.
Si chiude la pentola (meglio se di terracotta) e si lascia cuocere lentamente.
Quando le patate sono cotte la trippa è pronta e va servita ben calda spruzzandola con prezzemolo fresco e poco formaggio grattugiato.

Foto

Eccovi le immagini di questo piatto finito:

Trippa in umido in pentola

Trippa in umido in piatto

Trippa in umido

Foto scattate con macchina Canon 600D e lente Tamron 16-300.

La massaia salentina (foto)

La massaia salentina

Se andate in Salento non potete non notare questo souvenir: la massaia salentina.
Sono in terracotta e colorate nei modi più disparati.
Questo, per esempio, era il bancone di un negozio per turisti a Gallipoli:

massaia salentina

C’è addirittura un sito web, in costruzione, qui.

Pasta e fagioli (foto)

Pasta e fagioli

Uno dei piatti più tipici dell’Italia è la pasta e fagioli.

La ricetta… Essendo un piatto così diffuso nella penisola ci sono decine di varianti… Vedremo se il buon Loris avrà voglia di scrivercela!

pasta e fagioli

pasta e fagioli macro

Acciughe in umido (foto)

Acciughe in umido

Altro piatto povero della tradizione marinara ligure: le acciughe in umido…
Veramente è un piatto di tutta Italia e in ogni posto di mare sono fatte e chiamate in maniera diversa…

[ENG] Another simple dish of the Ligurian maritime tradition: anchovies stewed…
Really is a plate of all Italy and in any place of sea and calls are made in a different way…

acciughe in umido macro

acciughe in umido

Scacchi particolari (foto)

Scacchi particolari

Scacchi particolari

A molti piace il gioco degli scacchi, non a me o comunque proprio poco.

In casa mia abbiamo questa scacchiera in terracotta i cui pezzi raffigurano dei contadini (chissà da quale posto provengono…).

Scacchi particolari

La foto era già sul sito ma l’ho cercata e non la trovo più così ne ho scattata un’altra con la mia nuova Canon 600..