Le ceramiche di Bat Trang

Bat Trang

Le ceramiche di Bat Trang

Le ceramiche di Bat Trang.
Uno dei luoghi più famosi del Vietnam per la produzione di ceramiche. A pochi chilometri dalla capitale Hanoi.
Questo era un drago (a dire la verità un draghetto) posto sulla sommità di un vaso.
Ma è solo una delle tante opere che si potevano vedere (ed ovviamente comprare) in questo paesino.

Bat Trang

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Cliccate qui per vedere tutte le altre foto che ho scattato in questo posto:
foto gallery

La ceramica è usualmente composta da diversi materiali: argille, feldspati, (di sodio, di potassio o entrambi), sabbia silicea, ossidi di ferro, allumina e quarzo. Una composizione così articolata determina la presenza di strutture molecolari appiattite dette fillosilicati. La forma di questi, in presenza di acqua, conferisce all’argilla una certa plasticità e ne rende la lavorazione più facile e proficua.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Ecco dove si trova la cittadina:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

[ENG] The Bat Trang ceramics.
One of the most famous places in Vietnam for the production of ceramics. A few kilometers from the capital Hanoi.
This was a dragon (actually a dragon) placed on the top of a vase.
But it is only one of the many works that could be seen (and obviously to buy) in this village.

Trippa alla ligure di casa mia, la ricetta

Trippa in umido

Trippa alla ligure di casa mia, la ricetta.
La trippa è una delle frattaglie più usate. Si cucina in tutte le regioni italiane ed è uno dei piatti poveri più saporiti consumati in tutto in tutto il mondo: non potrò mai dimenticare una straordinaria zuppa cinese di Hong Kong con spaghetti di riso e trippa caramellata…

A Genova e nelle riviere si potevano spesso incontrare delle tripperie, dove veniva venduta trippa e il suo brodo: una tazza di brodo di trippa ben caldo con un po’ di formaggio grattugiato e abbondante pane zuppato era una ottima e ricca colazione. Anche questa, però è una tradizione ormai quasi completamente scomparsa.

Quella che noi troviamo in macelleria è la trippa che ha già subito molte lavorazioni e molto lunghe: è stata raschiata, pulita e poi bollita a lungo. A questo punto viene messa in vendita e poi cucinata.

In casa nostra, come molti altri piatti, viene fatta alla ligure ma, come già detto altre volte, la mia cucina ligure è stata inquinata dalla sapienza e dai consigli dei numerosi cuochi con cui ho lavorato in giro per il mondo. Vi descriverò pertanto come la prepara mia moglie Emmi che è diventata una bravissima cuoca di piatti regionali.

Prima si sceglie la trippa mista di più tipi possibili e la si taglia a strisce fini.
Poi si fa un fondo con cipolla, sedano e si prepara da parte un buon brodo di carne caldo, vino bianco, olive taggiasche, pinoli, pochi funghi secchi ammollati, poco concentrato di pomodoro e patate tagliate a tocchetti.
Si fanno soffriggere i gusti in buon olio d’oliva non troppo abbondante (la trippa è grassa), e si aggiunge la trippa che lascia insaporire e scaldare; si aggiunge un buon bicchiere di vino bianco e lo si lascia evaporare. A questo punto si aggiungono i funghi secchi, i pinoli, le olive e poi le patate. Si fa scaldare il tutto rimescolando lentamente, lo si sala e si aggiunge il concentrato di pomodoro per poi bagnare il tutto con il brodo.
Si chiude la pentola (meglio se di terracotta) e si lascia cuocere lentamente.
Quando le patate sono cotte la trippa è pronta e va servita ben calda spruzzandola con prezzemolo fresco e poco formaggio grattugiato.

Foto

Eccovi le immagini di questo piatto finito:

Trippa in umido in pentola

Trippa in umido in piatto

Trippa in umido

Foto scattate con macchina Canon 600D e lente Tamron 16-300.

La massaia salentina

La massaia salentina

La massaia salentina.
Se andate in Salento non potete non notare questo souvenir: la massaia salentina.
Sono in terracotta e colorate nei modi più disparati.
Questo, per esempio, era il bancone di un negozio per turisti a Gallipoli:

La massaia salentina

C’è addirittura un sito web, in costruzione, qui.

Acciughe in umido

Acciughe in umido.
Altro piatto povero della tradizione marinara ligure: le acciughe in umido…
Veramente è un piatto di tutta Italia e in ogni posto di mare sono fatte e chiamate in maniera diversa.

acciughe in umido macro

acciughe in umido

[ENG] Another simple dish of the Ligurian maritime tradition: anchovies stewed…
Really is a plate of all Italy and in any place of sea and calls are made in a different way.

Scacchi particolari

Scacchi particolari

Scacchi particolari.
A molti piace il gioco degli scacchi, non a me o comunque proprio poco.
In casa mia abbiamo questa scacchiera in terracotta i cui pezzi raffigurano dei contadini (chissà da quale posto provengono?).
La foto era già sul sito ma l’ho cercata e non la trovo più così ne ho scattata un’altra con la mia nuova Canon 600.

Scacchi particolari

Gli scacchi sono un gioco di strategia che si svolge su una tavola quadrata detta scacchiera, formata da 64 caselle (o “case”) di due colori alternati, sulla quale ogni giocatore dispone di 16 pezzi (bianchi o neri; per traslato, “il Bianco” e “il Nero” designano i due sfidanti).
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Special chess.
Many like the game of chess, not me or in any case very little.
In my house we have this terracotta chessboard whose pieces depict peasants (who knows where they come from?).
The photo was already on the site but I looked for it and I can’t find it anymore so I took another one with my new Canon 600.