Case del Pelourinho dalla nave

Case del Pelourinho

Case del Pelourinho dalla nave.
A dire la verità fotografare questo quartiere dal porto non gli rende probabilmente molto onore.
Infatti le case del pelourinho sono molto povere e fanno pensare quasi più ad una favela che ad un quartiere centrale della città di Salvador. L’ultima volta che ne avevo percorso le strade mi sembrava molto ben tenuto.
Probabilmente le aree più frequentate dai turisti sono anche meglio tenute mentre il resto delle case è un poco lasciato andare.

Case del Pelourinho

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Nelle immediate vicinanze lo slargo del Terreiro de Jesus, dove si affacciano la cattedrale, l’Università, la chiesa di San Pietro, quella del Terzo ordine Domenicano e, in una piazza contigua, la chiesa e convento di San Francesco, una delle chiese barocche più significative dell’intero Brasile.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Ecco dove si trova questo quartiere:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

[ENG] Pelourinho houses.
To tell the truth, photographing this neighborhood from the port probably doesn’t do it much honor.
In fact, the houses are very poor and make you think almost more of a favela than a central district of the city of Salvador. The last time I had walked the streets it seemed very well kept to me.
Probably the areas most frequented by tourists are also better kept.

Monumento alla Bianca Costa a Grenada

Monumento alla Bianca Costa a Grenada

Monumento alla Bianca Costa a Grenada.
Passeggiando per la cittadina di Saint George’s a Grenada scopro questa statua che mi attrae perche’ simile ad una molto famosa in Liguria.
Mi ricorda infatti il Cristo degli Abissi immersa nel mare poco al largo della Abbazia di San Fruttuoso.
Incuriosito dalla statua ne leggo la targa e ne rimango ancora piu’ stupito.
La targa recita infatti: “To the people of Grenada in grateful remembrance of the fraternal Christian hospitality shown to passengers and crew of the italian liner Bianca C, destroyed by fire in this harbor on October 22, 1961. Dedicated by the Costa Line of Genoa, Italy.“.
E’ infatti un monumento dedicato all’aiuto che la gente locale ha fornito ai passeggeri ed all’equipaggio della nave Bianca Costa che nel 1961 venne ditrutta ed affondata proprio nel porto di quest’isola da un incendio.

Monumento alla Bianca Costa a Grenada

Monumento alla Bianca Costa a Grenada

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Lo scoppio dell’incendio portò all’evacuazione di circa 700 persone tra passeggeri ed equipaggio. Intanto i pescatori di Grenada, svegliati dal rumore dell’esplosione, si precipitarono ad aiutare. I sopravvissuti furono portati alla capitale, dove vennero realizzati degli ospedali per fornire riparo e cibo.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Monument to the White Coast in Grenada.
Walking through the town of Saint George’s in Grenada I discover this statue that attracts me because it is similar to a very famous one in Liguria.
It reminds me of the Christ of the Abyss immersed in the sea just off the Abbey of San Fruttuoso.
Intrigued by the statue I read the plaque and I am even more amazed.
The plaque reads: “To the people of Grenada in grateful remembrance of the fraternal Christian hospitality shown to passengers and crew of the Italian liner Bianca C, destroyed by fire in this harbor on October 22, 1961. Dedicated by the Costa Line of Genoa, Italy. “.
It is in fact a monument dedicated to the help that the local people provided to the passengers and crew of the Bianca Costa ship which in 1961 was destroyed and sunk in the port of this island by a fire.

Mare da sogno: Great Bay a St Marteen

Mare da sogno: Great Bay a St Marteen

Mare da sogno: Great Bay a St Marteen.
Sicuramente tra le acque piu limpide e turchesi che abbia incontrato ai Caraibi la passata stagione.
Queste foto che ho scattato ormai diversi mesi fa sono di una delle spiagge piu’ belle e comode che ho visitato.
Vorrei spiegare o ricordare che la comodita’, per noi, marittimi e’ fondamentale, nella scelta dei luoghi dove uscire dalla nave. Difficilmente infatti possiamo avventurarci troppo lontano perche’ comunque abbiamo poco tempo per uscire e, soprattutto, se dovessimo perdere la nave perderemmo anche il lavoro.

Mare da sogno: Great Bay a St Marteen

Mare da sogno: Great Bay a St Marteen

Mare da sogno: Great Bay a St Marteen

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

Sint Maarten è una nazione costitutiva del Regno dei Paesi Bassi che ne comprende altre tre: i Paesi Bassi e gli stati caraibici di Aruba e Curaçao. Il territorio è costituito dalla parte meridionale dell’isola di Saint Martin, situata nel sud del Mare Caraibico. Il capoluogo è Philipsburg. Sint Maarten confina a nord con Saint-Martin, una collettività d’oltremare dipendente dalla Francia, il cui territorio costituisce la parte settentrionale dell’isola.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Dream sea: Great Bay in St Marteen.
Certainly among the clearest and most turquoise waters I have encountered in the Caribbean last season.
These photos that I took several months ago are from one of the most beautiful and comfortable beaches I have visited.
I would like to explain or remember that comfort, for us, seafarers, is fundamental in choosing the places where to get out of the ship. In fact, we can hardly venture too far because we still have little time to go out and, above all, if we lose the ship we would also lose our jobs.

La scia della nave

La scia della nave

La scia della nave

La scia della nave.
Quando la nave parte da un porto non c’e’ niente di piu’ rilassante che sedersi a poppa e guardare la scia che lascia la nave.
questa era la poppa della Costa Fascinosa partita da poco da Savona la settimana scorsa.
Siete mai stati in crociera? Io ci lavoro sulle navi ma non sempre ho il tempo per andare a fare una foto o per rilassarmi un poco ma quando riesco…

La scia della nave

Foto scattata con Honor 10.

[ENG] The wake of the ship.
When the ship leaves from a port there is nothing more relaxing than sitting in the stern and watching the wake that leaves the ship.
this was the stern of the Costa Fascinosa which had just started from Savona last week.
Have you ever been on a cruise? I work on ships but I don’t always have the time to go take a picture or relax a little but when I can…

Una strada di Malta

Una strada di Malta

Una strada di Malta.
Scattata sempre dalla nave, perche’ al momento non sono mai sceso dalla nave in questo porto, una foto delle stradine ripide della citta’ maltese.
Mi piacciono i colori delle pietre utilizzate sia per i gradini sia per i palazzi.

Una strada di Malta

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

La Valletta (in maltese Il-Belt Valletta, in inglese Valletta) è una città di 6.444 abitanti dello stato insulare di Malta, nonché sua capitale.
Fu fondata nel 1566 dai Cavalieri Ospitalieri, che le diedero il nome del loro gran maestro Jean de la Valette: precisamente essa venne chiamata, in latino, Humilissima Civitas Valettae (“L’umilissima città di Valletta”) e si fregia tutt’oggi del titolo Città Umilissima. In maltese è colloquialmente detta Il-Belt e La città.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] A street in Malta.
Always taken by the ship, because at the moment I never got off the ship in this port, a photo of the steep streets of the Maltese city.
I like the colors of the stones used for both the steps and the buildings.

Barrakka Gardens a La Valletta

Barrakka Gardens a La Valletta

Barrakka Gardens a La Valletta.
Una vista della citta’ della Valletta, capitale di Malta, dalla nave ormeggiata. Nelle due foto si vedono bene i cannoni di saluto della terrazza dei giardini.
Non sono ancora mai riuscito a farmi un giro in questa bella citta’ piena di storia e cultura.

Barrakka Gardens a La Valletta

Barrakka Gardens a La Valletta

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

La Valletta (in maltese Il-Belt Valletta, in inglese Valletta) è una città di 6.444 abitanti dello stato insulare di Malta, nonché sua capitale.
Fu fondata nel 1566 dai Cavalieri Ospitalieri, che le diedero il nome del loro gran maestro Jean de la Valette: precisamente essa venne chiamata, in latino, Humilissima Civitas Valettae (“L’umilissima città di Valletta”) e si fregia tutt’oggi del titolo Città Umilissima. In maltese è colloquialmente detta Il-Belt e La città.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] A view of the city of Valletta, the capital of Malta, from the moored ship. In the two photos you can clearly see the guns of salute of the terrace of the Barrakka gardens.
I have never been able to walk around this beautiful city full of history and culture.