Ostriche fresche a Vigo

Ostriche fresche a Vigo

Ostriche fresche a Vigo

Ostriche fresche a Vigo
Le ostriche sono, nell’immaginario collettivo, il cibo afrodisiaco per eccellenza.
Queste sono le ostriche che si possono mangiare a Vigo, in Spagna.
La tradizione di questo posto (e di questa via in particolare) è quella che le ostriche, che si possono gustare nei ristorantini presenti, devono essere per forza acquistate dai banchi di queste signore che le preparano.

Nella foto, appunto, uno di questi banchi.

Ostriche fresche a Vigo

Foto scattata con macchina Canon 600D e lente Canon EF-S10.

Ostrea (nome volgare ostrica) è un genere di molluschi bivalvi dalla conchiglia tondeggiante ricoperta di lamelle squamose ondulate.
Le due valve sono disuguali e quella inferiore, a cui è ancorato l’animale, è più grande e incavata della superiore. Il mollusco ha corpo di forma tondeggiante, con i margini dei due lembi del mantello frangiati. Vive in tutti i mari d’Europa a bassa profondità, abbarbicata alle rocce o ad altri corpi solidi.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

[ENG] Fresh oysters in Vigo
Oysters are, in the collective imagination, the aphrodisiac food par excellence.
These are the oysters that can be eaten in Vigo, Spain.
The tradition of this place (and of this street in particular) is that the oysters, which can be tasted in the small restaurants present, must necessarily be purchased from the desks of these ladies who prepare them. In the picture, in fact, one of these benches.

Paella di mariscos (foto)

Paella di mariscos

Paella di mariscos

Paella di mariscos. Non era proprio il mio piatto preferito la paella però questa, mangiata a Vigo era proprio eccellente.
L’hanno spacciata per una persona sola quando in due ne avrebbero avuto a sufficienza…

Paella di mariscos

Foto scattata con macchina Canon 600D e lente Canon EF-S10.

E’ un piatto tradizionale della cucina spagnola, diffusosi in tutto il Mar Mediterraneo e nell’America Latina. Il piatto, a base di riso, zafferano e frutti di mare o carne, è simile al pilaf turco o al biryani indo-pakistano e viene preparato nella tipica padella da cui prende il nome.
Continua la lettura su Wikipedia.