Il sugo di polpo, la ricetta

Il sugo di polpo

Il sugo di polpo, la ricetta.
Qualche giorno fa mio figlio si è preparato un piatto di pasta condito con questo sugo e subito mi sono venute in mente un paio di idee e di ricordi.
E’ un bellissimo piatto e anche molto buono. Lo faceva il nonno Mario, che cucinava benissimo il pesce.
Poi, con un polpo di meno di un kilo, mangiava tutta la famiglia (di sette o otto persone).
La cosa bella è che lui sapeva che il polpo è stanziale per cui, quando ne aveva bisogno, andava a prenderlo vivo e sapeva sempre dove trovarne uno.
Il sugo è molto facile da preparare; servono olio evo, sale, cipolla, passata di pomodoro (o pomodori freschi a seconda dei vostri gusti e capacità) e il polpo (fresco o surgelato che sia)
L’ideale sarebbe scottare il polpo leggermente in poca acqua, poi tagliarlo in piccoli pezzi da fare cuocere nella salsa di pomodoro.
L’importante è la pelle che è poi quella che fa buono il piatto!
Si fa un po’ di soffritto con l’olio e la cipolla, sia aggiunge il pomodoro e il polpo. Aggiustiamo di sale e lasciamo cuocere per una quarantina di minuti.
Se la salsa diventa troppo densa potete usare l’acqua della prima cottura per bagnare la salsa.

Et voilà il sugo è pronto fotografato da Luca:

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

The octopus sauce with tomato, the simple recipe to prepare it at home – La sauce poulpe à la tomate, la recette simple pour la préparer à la maison – El pulpo en salsa con tomate, la receta sencilla para prepararlo en casa – O molho de polvo com tomate, a receita simples para prepará-lo em casa – Die Tintenfischsauce mit Tomate, das einfache Rezept, um es zu Hause zuzubereiten – Bạch tuộc sốt cà chua, công thức đơn giản để chế biến tại nhà – 番茄章鱼酱,在家准备的简单食谱 – トマト入りタコソース、自宅で作る簡単なレシピ

La Pagoda di Bai Dinh in Vietnam

La Pagoda di Bai Dinh in Vietnam

La Pagoda di Bai Dinh in Vietnam.
Uno dei complessi di templi più grande del Vietnam e di tutta l’Asia. Nella splendida regione di Ninh Binh.
Si sviluppa in un’area molto estesa (tanto che per raggiungere il cancello principale si possono utilizzare, a pagamento, dei minivan elettrici) ed è tutto in salita.
Sulla sommità il tempio originale al quale dal 2010 si sono aggiunti una serie di nuovi edifici e statue.
Nella foto potete vedere l’ingresso principale e, a destra, la imponente torre (stupa) visibile da molti chilometri di distanza.

La Pagoda di Bai Dinh in Vietnam

La Pagoda di Bai Dinh in Vietnam

La Pagoda di Bai Dinh in Vietnam

La Pagoda di Bai Dinh in Vietnam

La Pagoda di Bai Dinh in Vietnam

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Non c’è molto online in italiano ma neppure in inglese. C’è però il sito ufficiale: chuabaidinhninhbinh.vn.

Se volete vedere tutte le immagini del luogo cliccate qui:
foto gallery

Ecco dove si trova il complesso:

Barchetta tipica a Doha

Barchetta tipica a Doha

Barchetta tipica a Doha.
In tour per la capitale del Qatar non puo mancare una foto della imbarcazione tipica di questo paese: il dau.
Veramente, prima di fare una ricerca su internet, ne sapevo veramente poco. Ora ho scoperto che e’ una barca tipica della intera area Sud-Orientale.
Ormai, quasi tutte a Doha, sono destinate al turismo di elite.

Barchetta tipica a Doha

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

Il dau (adattamento dell’inglese dhow o dow) è una tradizionale barca a vela araba con una o più vele latine. È tipica delle coste della Penisola arabica, dell’India, e dei popoli swahili dell’Africa orientale. Un grosso dau può imbarcare circa trenta persone mentre uno piccolo normalmente ne accoglie una dozzina.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Per vedere tutte le foto che ho scattato in Qatar clicca qui:
foto gallery

Portici lavagnesi

Portici lavagnesi

Portici lavagnesi.
Una foto scattata qualche mese fa nel centro storico di Lavagna, una piccola e carina cittadina del Tigullio ligure.
Lo stesso giorno di questa ho scattato diverse altre foto che potrete trovare nella apposita pagina linkata piu’ sotto.

Portici lavagnesi

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300.

La cittadina è divisa in diversi quartieri, che prendono il nome dagli antichi “sestieri” in cui era divisa la cittadina ai tempi della famiglia Fieschi.
Essi sono: il sestiere del Borgo, corrispondente al centro storico; il sestiere della Scafa, posto nella zona portuale e confinante con Chiavari; il sestiere della Moggia, nella parte più interna della città; il sestiere di Ripamare nella zona est; il sestiere di Cavi, che comprende la frazione omonima di Cavi di Lavagna e le frazioni collinari di Santa Giulia, Sorlana e Barassi.
Continua e approfondisci su Wikipedia

The arcades of the town of Lavagna in Liguria – Les arcades de la ville de Lavagna en Ligurie – Las arcadas de la ciudad de Lavagna en Liguria – As arcadas da cidade de Lavagna na Ligúria – Die Arkaden der Stadt Lavagna in Ligurien – Các mái vòm của thị trấn Lavagna ở Liguria – 利古里亚拉瓦尼亚镇的拱廊 – リグーリア州のラヴァーニャの町のアーケード

Totanetti in umido a Montevideo

Totanetti in umido a Montevideo

Totanetti in umido a Montevideo.
Ancora un altro succulento piatto dal Mercado del Puerto di Montevideo in Uruguay.
Famoso piu’ che per la carne che per il pesce ma non per questo di qualita’ inferiore.
In questo piatto dei totani in umido con cipolla, patate, funghi e qualche spezia.

Totanetti in umido a Montevideo

Totanetti in umido a Montevideo

Foto scattate con macchina Canon EOS M100 e lente Canon EF-M 22.

I cefalopodi (Cephalopoda, dal greco kephale, testa e pous, podos, piede) sono molluschi esclusivamente marini, tra i più evoluti, con conchiglia ridotta internamente o del tutto assente, prettamente nectonici (come le seppie e i calamari) o bentonici (come il polpo e il moscardino). Si svilupparono in una grande moltitudine di forme durante il Mesozoico, colonizzando praticamente tutti gli ambienti marini con i gruppi dei nautiloidi, ammonoidea e belemnoidi, gli ultimi due totalmente estinti.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Interno della Cattedrale di San Lorenzo

Interno della Cattedrale di San Lorenzo

Interno della Cattedrale di San Lorenzo.
La chiesa più importante della Liguria è anche la più maestosa. Questo è l’altare principale.
Costruita in stile che si potrebbe dire ligure, con alternanza di marmo verde e bianco, è anche molto bella all’interno.
Questa è la navata principale della chiesa e potete anche vedere in alto lo scudo con la croce di San Giorgio, protettore di Genova.

Interno della Cattedrale di San Lorenzo

Foto scattata con macchina Canon EOS M100 e lente Tamron 16-300 e filtro polarizzatore.

Qui tutte le foto che ho scattato nella mia ultima visita alla Cattedrale:
foto gallery

Se vi interessa questo è il sito web ufficiale che vi aggiorna su iniziative e liturgie cattoliche: chiesadigenova.it.

La cattedrale di San Lorenzo è il più importante luogo di culto cattolico della città di Genova, cattedrale metropolitana dell’omonima arcidiocesi. È stata consacrata al santo nel 1118 da papa Gelasio II quando non era ancora ultimata e ne mancava la facciata.
Continua e approfondisci su Wikipedia