Ravioli fatti in casa

Ravioli fatti in casa

Ravioli fatti in casa.
Anche se sono passati già diversi giorni mi ero tenuto in sospeso questa bella foto macro di un bel, e buon, piatto di ravioli fatti in casa (da mia mamma) per il pranzo dello scorso Natale. Anche se è un soggetto inflazionato su questo sito, non posso evitare di piazzarvi la foto.

Ravioli fatti in casa

Foto scattata con macchina Canon 600D e lente Canon 18-55 EFS.

[ENG] Homemade ravioli.
Although several days have gone by I had kept this beautiful macro photo of a nice, and good, plate of homemade ravioli (by my mom) for last Christmas’s lunch. Even if he is an inflated subject on this site, I cannot avoid placing the photo on it.

Tagliatelle fresche al ragu di carne (foto)

tagliatelle fresche al ragu

Tagliatelle fresche al ragu di carne

Quando mia mamma prepara i ravioli, avanza sempre della pasta per le tagliatelle fresche. Questa pasta è verdognola perché nel frattempo si è mescolata con il ripieno dei ravioli. Dal momento che non si butta mai via niente, specialmente se preparato in casa, con quello che rimane si preparano le tagliatelle che qui, sono state condite con l’altrettanto ottimo ragù di carne (sempre preparato fresco dalla mamma).

tagliatelle fresche al ragu

Foto scattate con iPhone 6.

[ENG] When my mom prepares ravioli, she always advances pasta for fresh noodles. This pasta is green because in the meantime it has been mixed with the stuffing of ravioli. Since you never throw anything away, especially if prepared in the house, with what is left to prepare the noodles here, they were seasoned with the equally good meat sauce (as well freshly prepared by your mom).

Farfalle al ragù di carne

Farfalle al ragù di carne

Farfalle al ragù di carne

Farfalle al ragù di carne.
Ormai credo che lo sappiate che il ragù è uno dei miei sughi, per condire la pasta, preferito. Diciamo che a casa mia non manca mai.
Ho notato che mi mancava una foto con uno dei classici tipi di pasta: le farfalle.

Farfalle al ragù di carne

Farfalle al ragù di carne

I diversi tipi di pasta italiana si distinguono soprattutto in base alla forma, al tipo di farina utilizzato, all’essere fresca o secca (pastasciutta) e alla presenza dell’uovo o del ripieno nell’impasto. Ciascun tipo è spesso associato a una preparazione speciale o a vari tipi di preparazioni, adeguati alla sua consistenza e capacità di trattenere i condimenti o, più semplicemente, alle tradizioni regionali a seconda della provenienza.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Ragù di cinghiale a modo mio, la ricetta

Tagliatelle al sugo di cinghiale

Ragù di cinghiale a modo mio.
Quest’anno la caccia al cinghiale è stata molto abbondante e questi animali sono stati uccisi a centinaia. Così è successo che un amico, con il frigo ormai pienissimo, mi ha regalato un bel pezzo di carne fresca di questo animale.

Io amo la carne rossa di questo animale ma non amo troppo il sapore di selvatico che spesso la accompagna una volta cotta. Pertanto, al contrario di come si fa abitualmente, dopo aver tagliato la carne a cubetti la ho messa a marinare per una notte in abbondante vino bianco, senza aggiungere spezie né erbe aromatiche. Al mattino ho scolato completamente il vino nel lavandino ed ho lasciato riposare la carne fuori dal frigo per un’oretta. Nel frattempo ho preparato un battuto di cipolla, erbe aromatiche e poco aglio d ho messo ad ammollare alcuni pezzi di funghi secchi. Ho poi infarinato la carne e la ho fatta soffriggere in padella con poco olio extra vergine per permetterle di espellere tutta l’acqua che contiene. Quando la carne è diventata ben rosolata ed asciutta, la ho tolta dalla padella e la ho messa in una casseruola capiente dove ho fatto soffriggere con abbondante olio extra vergine la cipolla, gli aromi ed i funghi secchi tritati. Poi ho bagnato il tutto con altro vino bianco e, una volta evaporato, ho aggiunto la passata di pomodoro e lasciato cuocere per almeno un’ora a fuoco basso. Quando la carne è cotta a sufficienza e diventata bella tenera, ne ho tritato finemente una metà circa aggiungendola al sugo facendo ancora cuocere finché il tutto non sarà ben amalgamato.

tagliatelle al sugo di cinghiale nel piatto

Ravioli al ragù di Bocca Moà

Ravioli al ragù di Bocca Moà

Ravioli al ragù di Bocca Moà

Ravioli al ragù di Bocca Moà.
Della serie foto di ravioli al ragù di carne, piatto tipico dell’entroterra della Riviera di Levante, questi sono stati mangiati domenica scorsa presso la trattoria (ma è anche un agriturismo) Bocca Moà (recensione su Tripdavisor) che si trova sulla strada per il lago di Giacopiane, credo comune di Borzonasca.

Buoni ma non i migliori.

Ravioli al ragù di Bocca Moà

Il raviolo è, poi, mutevole anche nel nome, mutandosi in agnolotto o agnellotto (di forma piccola) in Piemonte e nel Pavese, anolino nel Piacentino e nel Parmense, marubino nel Cremonese e nella pianura nord-orientale piacentina, tortello in Emilia e Lombardia, pansoti o pansotti in Liguria, tordello o turdelo nella Toscana nord occidentale e nell’estremo Levante ligure, tortello in quasi tutta la Toscana, dal Pistoiese all’Aretino, dal Pisano alla Maremma, cappellaccio nel Ferrarese, ravaioli o agnolotti nelle Marche, mentre in Irpinia vengono chiamati ravaiuoli e sono di pasta bianca. In alcune aree del meridione vengono chiamati “maccaruni chini”. Nel basso Cilento prendono il nome di “cauzuni” ed assumono la grandezza di una mano sono di pasta bianca (senza uovo) con ripieno di ricotta e prezzemolo.
Continua e approfondisci su Wikipedia.

Ecco dove si trova l’agriturismo:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"